DOMENICA 16 AGOSTO 2015, 000:06, IN TERRIS

MARI INQUINATI, PLASTICA PER CENA

CLAUDIA GENNARI
MARI INQUINATI, PLASTICA PER CENA
MARI INQUINATI, PLASTICA PER CENA
Mangereste mai un pezzo di plastica? La risposta è scontata: nessuno dotato di buon senso addenterebbe e ingoierebbe un foglio di cellophane o una porzione di polistirolo. Ma, contrariamente a quanto potremmo pensare, questo avviene ogni giorno sulle nostre tavole, mentre ci illudiamo di utilizzare, per la nostra cucina, solo prodotti sani. La colpa è nostra, o meglio, della quantità di rifiuti che disperdiamo nell’ambiente e in particolare nei mari. Uno studio scientifico, infatti, ha di recente analizzato la quantità di plastica degradata, cioè soggetta a processo di deterioramento, presente negli oceani facendo una scoperta choc: nei principali bacini acquatici del pianeta si trovano almeno 5.250 miliardi di particelle di questo materiale, pari a 268.940 tonnellate.

Una vera e propria marea nociva e invisibile che finisce, secondo gli scienziati, inevitabilmente per essere ingerita dal plancton, cioè da microrganismi alla base della catena alimentare. In breve: il plancton mangia sostanze tossiche, il pesce mangia il plancton, noi mangiamo il pesce. E siccome la plastica non viene smaltita dai nostro corpo inizia a circolare insieme al sangue andandosi poi a depositare a ridosso di cuore, polmoni, fegato, cervello e quant’altro.

Per capire la portata delle conseguenze, basti pensare che da tempo il Polo Nord è “invaso” da sostanze chimiche come i Pop (Persistant Organic Pollutants – inquinanti organici persistenti), Pcb (policlorobifenili), Ddt (il pesticida da tempo messo a bando nei Paesi occudentali) e Clordano, un insetticida ad ampio spettro usato per frutta e verdura, e diossine. Nel latte delle donne eschimesi il clordano e il Pcb si trovano rispettivamente in quantità dieci e cinque volte superiori rispetto al livello registrato in quelle che vivono nelle aree industriali del Canada del Sud. Queste sostanze possono danneggiare il fegato, i sistemi riproduttivi e immunitari, oltre che causare forme tumorali e attraverso il latte materno, possono arrivare a colpire anche i neonati. Diversi studi effettuati da ricercatori canadesi, svedesi e danesi, hanno messo in risalto una correlazione tra la presenza di alcuni Pop nella dieta e l’abbassamento del sistema immunitario nei bambini, che porta così a frequenti patologie.

I Pcb presenti nelle plastiche, invece, possono avere varie ripercussioni sugli ormoni sessuali (come gli estrogeni), sul sistema nervoso e, a lungo termine, sulla funzione intellettiva. Sempre a causa di tale sostanza sarebbe provata l’insorgenza di problemi riproduttivi nei rapaci e in alcuni mammiferi come visoni e lontre. Non solo. Secondo gli scienziati norvegesi dello “Svalbard Science Forum”, centro di ricerca situato sulle omonime isole situate tra Norvegia e Polo Nord, alcuni di queste particelle sarebbero alla base del fenomeno di ermafroditismo, cioè la contemporanea presenza di organi genitali maschili e femminili, di almeno quaranta orsi bianchi su 3mila.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
L'ALLARME DELL'UNICEF

17 milioni di bambini respirano aria molto inquinata

Lo studio mostra che l'inquinamento atmosferico può avere impatti sullo sviluppo della prima infanzia