Il maltempo minaccia l’Italia, ecco le regioni con allerta arancione

Lutto cittadino a Marina di Massa per la morte di due sorelline. Il nord, in ginocchio, conta i danni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:55

In base alle previsioni, una perturbazione legata alla precedente, attualmente sulle Baleari, nella giornata di domani attraverserà l’Italia, transitando poi velocemente verso i settori balcanici.

L’avviso per il maltempo prevede precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, dapprima su Lazio e Toscana, in rapida estensione a Umbria, Abruzzo, Marche, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Lombardia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Dalla tarda mattinata di domani si prevedono, inoltre, venti da forti a burrasca dai quadranti settentrionali dapprima sui settori tirrenici di Lazio e Campania, in estensione a Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia, con mareggiate lungo le coste esposte.

©NoiTv Lucca

Maltempo, l’avviso della Protezione Civile

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che estende ed integra quelli diffusi nei giorni precedenti.

L’aria fresca nord atlantica che affluirà sull’Italia al seguito della perturbazione porterà una fase climatica dal sapore più schiettamente autunnale.
Le temperature sono già in parte diminuite ma entro martedì saranno sotto media quasi ovunque.
In aggiunta il tempo continuerà a mostrarsi instabile con piogge e temporali soprattutto nella giornata di lunedì quando la saccatura abbraccerà praticamente tutta la Penisola.
L’influenza di questa saccatura si farà sentire fino a mercoledì seppur con fenomeni più sporadici da martedì.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento.

Lutto cittadino a Massa

“In segno di cordoglio e partecipazione di tutta la comunità al dolore della famiglia Lassiri per le gravi perdite subite è stato proclamato il lutto cittadino per la giornata del 31 agosto 2020 a Massa.

L’amministrazione intende manifestare la propria vicinanza alla famiglia in questo momento di particolare tragicità e invita cittadini, istituzioni, organizzazioni sociali, culturali, organizzazioni produttive e attività private di ogni genere ad esprimere la propria partecipazione nelle forme più opportune, evitando comportamenti che contrastino con tale spirito.

Esposizione a mezz’asta delle bandiere europea e nazionale nel palazzo comunale e, ove possibile, su tutti gli edifici pubblici”.

Con questa nota Francesco Persiani, Sindaco di Massa, ha comunicato alla città il lutto per la giornata del 31 agosto, per ricordare le due vittime del maltempo che hanno perso la vita ieri, 30 agosto.

Il messaggio del sindaco di Massa

“Ci stringiamo attorno alla famiglia che, a causa del maltempo, ha perso due figlie. Una tragedia immane ed una grande sofferenza, per la quale con grande dolore esprimo ai familiari il cordoglio da parte mia e di tutta la cittadinanza” sono state le parole commosse di Persiani.

Il crollo dell’albero

Le due bambine sono state colpite gravemente da un albero crollato per il maltempo sulla tenda nella quale dormivano al Camping Verde Mare di Marina di Massa. Qui un pioppo di 4 metri, finito su una piazzola dove alloggiava in tenda la famiglia di 5 persone di Torino che stava trascorrendo una vacanza in Toscana.

Jannat, 3 anni, è quasi morta sul colpo e Malal 14 anni è arrivata all’ospedale ma i traumi subiti erano troppo gravi ed è morta poco dopo esser stata portata al pronto soccorso. Illesi i genitori, un uomo di 43 anni e la moglie di 36, un’altra sorella di 19 anni ed un fratellino di 9. Per Malal è stato possibile, con il consenso dei genitori, espiantare alcuni organi.

“È stata una tromba d’aria”

Ad ammetterlo il presidente di Ageparc Massa Carrara Marco Lucetti: “Ha colpito fatalmente solo quel campeggio. Capisco che in questo momento ci sono tanti dubbi cui rispondere, sulla sicurezza delle nostre strutture, sulla condizione della vegetazione che ci circonda, la manutenzione degli alberi, le comunicazioni sull’allerta meteo, ma non è il momento”.

Le informazioni del titolare del camping

Nel frattempo il titolare del campeggio è stato sentito dai carabinieri di Massa come persona informata sui fatti in merito all’incidente di stamani dovuti al maltempo. Proseguono i sopralluoghi nel campeggio. Il titolare sta fornendo informazioni con la massima collaborazione. Intanto un consulente agronomo forestale è stato incaricato dalla procura per una perizia sullo stato dell’albero.

Il cordoglio della Toscana

Cordoglio è stato espresso dal premier Giuseppe Conte, dal presidente della Regione Enrico Rossi, dal senatore Matteo Renzi e dalla deputata Giorgia Meloni. Tra le autorità locali il sindaco di Massa Francesco Persiani, il collega di Firenze Dario Nardella e molte altre personalità politiche e istituzionali.

Il direttore generale Maria Letizia Casani a nome di tutta l’Azienda USL Toscana nord ovest esprime il proprio cordoglio per la tragica scomparsa delle due sorelline a Marina di Massa e partecipa all‘immenso dolore della famiglia e dell’intera comunità. La dottoressa Casani evidenzia che questa tragedia ha lasciato tutti gli operatori dell’Azienda impotenti e sconvolti, a partire ovviamente dal personale sanitario che è intervenuto sul luogo dell’evento e che ha prestato i soccorsi all’arrivo delle bambine all’ospedale Apuane. Tra l’altro gli operatori del turno di notte hanno inizialmente affiancato i colleghi del turno della mattina per portare aiuto in quei delicati frangenti, ma purtroppo nel corso della mattinata è arrivato il triste epilogo con il decesso delle due sorelline.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.