Maltempo: le previsioni di Coldiretti per verdure e ortaggi

A causa dell'ondata di maltempo a rischio le coltivazioni che si trovano in pieno campo. Preoccupa il balzo dei costi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:09

Il repentino, e in alcuni casi drastico, abbassamento delle temperature, accompagnato in diverse zone d’Italia dalla neve e dalle gelate nelle prime ore del mattino, mette in serio rischio verdure e ortaggi coltivati in pieno campo. E’ l’allarme che ha lanciato la Coldiretti in seguito all’ondata di maltempo, con l’irruzione di aria gelida e la neve persino a Roma: nella Capitale i primi fiocchi sono caduti nelle prime ore della mattinata.

L’allarme della Coldiretti

L’arrivo del grande freddo – sottolinea la Coldiretti – colpisce le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze, cicorie, e broccoli. Questi ultimi reggono anche temperature di qualche grado sotto lo zero ma se la colonnina di mercurio scende repentinamente o se le gelate sono troppo lunghe si verificano danni“. “A preoccupare – continua la Coldiretti – è anche il balzo dei costi per il riscaldamento delle serre per la coltivazione di ortaggi e fiori che risente dell’impennata dei prezzi dei beni energetici. L’aumento record dei costi energetici, infatti, spegne le serre e mette a rischio il futuro di alcune delle produzioni più tipiche del florovivaismo come tra gli altri il ciclamino, il lilium o il ranuncolo”.

Il caro bollette ha un doppio effetto negativo, denuncia Coldiretti, “perché riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l’agroalimentare con l’arrivo del freddo e dell’inverno. Il costo dell’energia – conclude – si riflette infatti in tutta la filiera agroalimentare e riguarda sia le attività agricole ma anche la trasformazione, la distribuzione ed i trasporti“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.