MALI, ASSALTO IN UN HOTEL: 27 MORTI, LIBERI GLI ALTRI OSTAGGI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50

Dopo ore di assedio, le forze speciali maliane e statunitensi hanno sferrato prima un blitz, poi un secondo assalto e hanno liberato le persone ancora tenute in ostaggio al Radisson Blu Hotel di Bamako, capitale del Mali. Le vittime accertate darebbero 27. L’attentato è stato rivendicato dal Maghreb Islamico (Aqim) e da Al-Morabitun.

L’attacco  è cominciato intorno alle 07:00 di mattina. Gli assalitori sono arrivati a bordo di un’auto immatricolata con targa diplomatica: sparavano colpi di arma da fuoco e urlavano Allah Akbar, ha raccontato un testimone. Sekouba Bambino Diabate, un cantante guineiano rimasto intrappolato e che e’ riuscito a liberarsi, ha raccontato di aver sentito i terroristi parlare tra di loro in inglese. Secondo al-Jazira, jihadisti sono uomini di Ansar Dine; la sicurezza maliana, ha invece chiamato in causa il gruppo militante al-Mourabitoun, legato al Al Qaeda. Le autorita’ francesi hanno chiesto ai loro connazionali in citta’ di non uscire dalle case e hanno chiuso tanto la scuola che il liceo francese della capitale. Tutto il settore settentrionale del Mali fu occupato da milizie jihadiste, alcune con legami ad al-Qaeda, per gran parte del 2012. Molti gruppi jihadisti furono snidati grazie a un’operazione militare internazionale su iniziativa francese, lanciata nel gennaio 2013 e che e’ ancora in corso. Ma alcune zone del Paese rimangono ancora fuori dal controllo delle forze maliane straniere. E se fino a qualche tempo fa gli attacchi jihadisti erano rimasti concentrati nel nord, dall’inizio del 2015 si sono estesi al centro e, da giugno, al sud del Paese.

(notizia in aggiornamento)

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.