Usa, tensione a Los Angeles: un 29enne afroamericano ucciso dalla Polizia

L'uomo aveva provato a sfuggire a un controllo dopo aver colpito un agente: esplosi venti colpi. Momenti di tensione sulla Imperial Highway

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:37

Una nuova uccisione di un cittadino afroamericano sta scuotendo gli Stati Uniti. Dopo la vicenda di George Floyd, la cui morte ha scatenato le proteste antirazziste in tutto il Paese, e i disordini di Kenosha, provocati dal grave ferimento del 29enne Jacob Blake da parte della Polizia, il teatro degli eventi si sposta a Los Angeles. A Westmont per la precisione, dove un coetaneo di Blake, identificato come Dijon Kizzee, è stato ucciso da due agenti di Polizia al termine di un inseguimento, dopo che l’uomo avrebbe colpito con un pugno uno dei due poliziotti.

La ricostruzione

A riferirlo è stata la stessa Polizia di Los Angeles che, nel frattempo, ha fatto i conti con un’imponente manifestazione di protesta andata in scena in città. Sempre più persone hanno preso parte al corteo che ha occupato l’Imperial Highway, affollata da un centinaio di persone che hanno intonato i cori che ormai da mesi stanno animando le proteste del Black Lives Matter. Sulla dinamica dell’accaduto non c’è ancora chiarezza: l’uomo sarebbe stato notato in bicicletta e, a quanto sembra, avrebbe effettuato un’infrazione del codice stradale. Da qui il tentativo di fermarlo e la successiva fuga del 29enne che, dopo essere stato bloccato, ha colpito con un pugno uno dei due agenti. Stando alla versione della Polizia, nel fuggire l’uomo avrebbe lasciato cadere a terra un involucro con degli indumenti, all’interno del quale sarebbe stata vista una pistola. Da qui, pare, la decisione di estrarre l’arma d’ordinanza e sparare al fuggitivo.

Tensioni a Los Angeles

La versione del corpo di Polizia, riferita al Los Angeles Times dal vicesceriffo Brandon Dean, non ha fatto che alimentare le proteste della piazza. Uno scenario che, per ora, ha prodotto solo in parte scene di disordine pubblico (alcuni momenti di tensione registrati durante il corteo) come a Minneapolis, Portland o Kenosha ma che rischia di diventare rovente nelle prossime ore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.