MARTEDÌ 07 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

L'ISIS ALLE PORTE DI DAMASCO

FRANCESCO VOLPI
L'ISIS ALLE PORTE DI DAMASCO
L'ISIS ALLE PORTE DI DAMASCO
Le bandiere nere dell'Isis sventolano a pochi chilometri da Damasco. La capitale siriana, una delle città più antiche del mondo, si prepara a un assedio decisivo, che potrebbe drasticamente cambiare gli equilibri nel medio oriente. Tutto è iniziato con l'invasione del campo profughi palestinese di Yarmuk, situato nella vasta periferia della metropoli. Una zona strategica che ha consentito al Califfato di sferrare una spietata offensiva per la conquista del centro urbano.

Gli attivisti già tracciano un primo bilancio dell'attacco, che avrebbe portato alla decapitazione di 9 militanti palestinesi che tentavano di difendere il centro. Marchio di fabbrica dell'orrore portato dagli uomini di Al Baghdadi in tutti i Paesi nei quali hanno espanso i loro dominio. Secondo quanto riportato da fonti locali determinate per le sorti del conflitto potrebbe essere l'inusuale alleanza dell'Isis con i qaedisti di Al Nusra, ostili al regime di Assad. E' presto per dire se si tratti di un passo in avanti verso un'adesione del gruppo terroristico che fu di Osama Bin Laden al Califfato paventata la scorsa settimana. Di sicuro ora c'è solo che con questo asse la potenza di fuoco dello Stato Islamico in Siria è aumentata a dismisura, rendendo possibile la penetrazione verso le zone strategiche di Damasco, sulla quale presto potrebbe sventolare la bandiera nera. Gli scontri per il controllo del campo profughi, che ospita circa 18 mila civili, sono iniziati mercoledì; da una parte le milizie dell'Isis, dall'altra i gruppi palestinesi nemici di Assad.

Secondo uno degli attivisti locali, Hatem al-Dimashqi, i combattimenti sono proseguiti anche ieri mattina. Schiacciati dai due fronti, cui si è aggiunto quello governativo che avrebbe usato bombe a barile nel campo per cercare di respingere gli jihadisti, migliaia di rifugiati, tra cui donne, anziani e bambini. Fra l'altro sempre in Siria, stando a quanti riferito dall'emittente panaraba libanese almayadeen, al Nusra avrebbe sequestrato 300 curdi nella zona di Dana, nella periferia di Idlib. Così come in Libia, dunque, l'instabilità politica e una guerra civile sanguinaria in Siria hanno finito con l'agevolare le truppe del Califfo e le milizie dei gruppi fondamentalisti, sempre più vicini ad Israele e al Mediterraneo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e della Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"