SABATO 11 GIUGNO 2016, 11:53, IN TERRIS

LIBIA: LIBERATO IL PORTO DI SIRTE, ISIS IN FUGA NEL DESERTO

Prosegue l'offensiva delle forze di Serraj per liberare il resto della città costiera

MILENA CASTIGLI
LIBIA: LIBERATO IL PORTO DI SIRTE, ISIS IN FUGA NEL DESERTO
LIBIA: LIBERATO IL PORTO DI SIRTE, ISIS IN FUGA NEL DESERTO
Continua l’offensiva per liberare Sirte, roccaforte dell'Isis in Libia. Le forze libiche hanno annunciato di aver ripreso il controllo del porto, dopo pesanti scontri, mentre prosegue la battaglia per liberare il resto della città costiera. Lo riferisce l’emittente britannica Bbc online. Il portavoce delle forze fedeli al governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj, generale Mohamed al Ghasri, ha aggiunto che i leader dell’Isis sono fuggiti nel deserto a sud, ma che molti jihadisti sono ancora sotto assedio nel centro della città.

Già nella serata di ieri il premier Sarraj aveva annunciato, attraverso un comunicato, la vittoria contro le forze dello Stato islamico, invitando le milizie sul posto a salvaguardare l’incolumità dei civili. Sirte, importante porto del Paese nonché città natale di Mu'ammar Gheddafi, contava 135mila abitanti, prima della conquista delle mura del sedicente Stato Islamico lo scorso 20 febbraio.

Il capo del Consiglio presidenziale con sede a Tripoli ha chiesto alle diverse fazioni militari del paese di unirsi “alle forze vittoriose” per “costruire insieme la nazione libica ed essere uniti contro il nemico comune”. Il riferimento sembra essere al generale Khalifa Haftar, comandante dell’autoproclamato Esercito libico della Cirenaica che non riconosce il governo tripolino. La liberazione di Sirte rappresenta certamente un grande successo per l’esecutivo libico di Tripoli sostenuto dalle Nazioni Unite.

Secondo Mattia Toaldo, analista sulla Libia dell’European Council on Foreign Relations a Londra, potrebbe però volerci diverso tempo per ripulire del tutto la città della presenza dello Stato islamico. “A quanto risulta - spiega l’analista ad “Agenzia Nova” - l’intenzione delle forze di Misurata è di dare le chiavi della città alle autorità locali. C’è la consapevolezza che il precedente atteggiamento vessatorio verso la città di origine di Gheddafi è stata una delle cause dell’avvento dell’Isis”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano