Lecco: 18enne e 19enne morti in casa, si sospetta overdose

si tratta di un giovane di Piantedo (Sondrio) e di un suo amico del valtellinese,Si sospetta una duplice overdose, salve due loro amiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:49
I soccorsi

Un 18enne e un 19enne sono morti in casa, durante un ritrovo, a causa di una sospetta overdose da stupefacenti, al culmine di un festino a base di alcol e droga. A lanciare l’allarme sarebbero state due coetanee che si trovavano con loro. La tragedia è accaduta nella serata di domenica 26 aprile in una palazzina di via Nazionale a Colico, comune in provincia di Lecco, in Valtellina.

Le vittime

Le vittime sono due neo maggiorenni: si tratta di un giovane di 18 anni di Piantedo (Sondrio) e di un suo amico del valtellinese, un ragazzo di colore residente a Sorico (Como), di un anno più vecchio. Hanno perso la vita in un appartamento dove, in tarda serata, si erano trovati con due amiche, incolumi, poi accompagnate nella caserma dei Carabinieri di Colico per essere ascoltate su quanto accaduto. La due ragazze, visibilmente sotto choc, avrebbero dichiarato di aver assunto metadone e di essersi addormentate senza accorgersi di nulla e che solo al risveglio si sarebbero rese conto che i due amici stavano male.

I soccorsi

Sul posto si sono portati i volontari del Soccorso Bellanese, insieme a un’automedica da Colico e all’autoinfermieristica da Gravedona. In volo da Brescia si è alzato anche l’elisoccorso, scrive il Corriere. Per quasi un’ora i sanitari hanno tentato disperatamente di rianimare i due giovani, residenti a Sorico (Como) e a Piantedo (Sondrio), ma per loro non c’è stato nulla da fare, i medici non hanno potuto fare altro che dichiararne il decesso. L’appartamento era sottosopra, numerose – scrive il Corriere – le bottiglie di alcol rinvenute: un quinto giovane all’arrivo dei soccorritori era in lacrime sul pianerottolo. Accertamenti sono in corso da parte dei carabinieri per stabile le cause del decesso, anche se l’ipotesi più plausibile al momento è quella di un’overdose.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.