Kiev, giornalista ferito in modo grave

Si tratta di Benjamin Hall, 39enne britannico corrispondente di Fox News, attualmente ricoverato in terapia intensiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:26
Guerra
Kharkiv 01/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: guerra ONLY ITALY

A un giorno di distanza dalla morte del giornalista americano Brent Renaud, ucciso a Irpin, nel nord di Kiev, un reporter straniero, Benjamin Hall, inviato di Fox News, è rimasto “gravemente ferito” mentre seguiva la guerra in Ucraina.

Terapia intensiva

E’ la stessa emittente nordamericana a comunicare sui suoi canali social che al momento “si hanno pochi dettagli” sull’accaduto. Sembra che Hall, 39 anni, di nazionalità britannica, stesse “raccogliendo informazioni vicino Kiev”.

L’agenzia ucraina Unian sottolinea che il corrispondente britannico ha riportato fratture da schegge ad entrambe le gambe e secondo informazioni, rese note dal procuratore generale Irina Venediktov su Facebook, il giornalista è attualmente in terapia intensiva sotto osservazione medica.

Brent Renaud

La Russia non è responsabile per la morte di Renaud, perchè l’area di Irpin dove è stato ucciso è controllata dalle truppe ucraine, ha detto il rappresentante permanente russo all’Onu Vassily Nebenzia, stando a quanto riferisce l’agenzia di stampa russa Tass. Renaud, 50 anni, che nella sua carriera aveva seguito e documentato le operazioni di soccorso successive al terremoto che aveva devastato Haiti, realizzando il reportage Surviving Haiti’s Earthquake: Children, era stato in Messico e in Egitto, si trovava in con un altro giornalista, rimasto ferito, nei pressi di un checkpoint quando sarebbero stati esplosi dei colpi di arma da fuoco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.