Italia in “fascia bianca” da lunedì

Alla luce dei dati della Cabina di Regia, dal 28 marzo anche la Sardegna passa in area bianca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:48

Alla luce dei dati della Cabina di Regia, la Sardegna passa in area bianca. Con questa ultima ordinanza da lunedì l’Italia sarà tutta bianca. Finisce così anche l’era dei colori delle regioni.

Brusaferro

“La trasmissibilità si colloca sopra la soglia epidemica sia per quanto riguarda i pazienti sintomatici con Rt a 1.14 sia per quanto riguarda le ospedalizzazioni a 1.08″, così il presidente dell’Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro, in un video, spiegando i dati del monitoraggio settimanale. In base a un grafico mostrato, la proiezione a una settimana dell’Rt è a 1.44. “Questo è un quadro di circolazione coerente anche con altri Paesi europei dove in alcune parti si cominciano a vedere regioni che hanno colore rosso più chiaro a testimonianza di una riduzione della circolazione“, ha aggiunto. Il numero dei ricoveri in area medica “aumenta, mentre diminuisce per le terapie intensive. La proiezione del fabbisogno a 30 giorni è differente tra terapie intensive, dove è limitata, e aree mediche, in cui in alcune regioni la probabilità che necessitino di occupazione di letti è più elevata”, ha illustrato ancora il presidente dell’Iss. Nell’ultima settimana tutte le regioni, tranne tre, la Provincia autonoma di Bolzano, la Calabria e la Sicilia, si caratterizzano per una crescita del numero di nuovi casi.

Rezza

Questa settimana “tende ancora a salire l’incidenza di casi di Covid-19 nel nostro Paese che si fissa intorno a 848 casi per 100mila abitanti anche l’Rt mostra una tendenza alla crescita”, ha affermato il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza. L’occupazione dei posti di area medica e di terapia intensiva e rispettivamente al 13,9 e 4,5%” con tendenza ad un incremento “se pure lieve” in area medica, “mentre fortunatamente tende a scendere” la congestione in terapia intensiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.