Iran, ecco i sei candidati alle presidenziali

Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione ha diramato la lista ufficiale dei candidati che concorreranno al dopo-Raisi. Larghissimo spazio ai conservatori

Iran elezioni
Foto di fatemeh momtaz su Unsplash

Sono sei in tutto i candidati autorizzati a concorrere alle prossime elezioni presidenziali in Iran. Il voto è stato reso necessario dall’improvvisa morte del leader in carica, Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero lo scorso 19 maggio. Come previsto, larghissimo spazio ai conservatori (ben cinque su sei). A selezionare i candidati, il Consiglio dei Guardiani della Costituzione.

Iran, i sei candidati alle presidenziali

Sono sei i candidati – cinque conservatori e ultraconservatori e un solo riformista – autorizzati dal Consiglio dei guardiani a correre per le presidenziali del 28 giugno in Iran per prendere il posto di Ebrahim Raisi, morto lo scorso 19 maggio in un incidente di elicottero. Lo annuncia il ministero dell’Interno di Teheran.

Si tratta di Said Jalili, Mohammed Baqher Qalibaf, Masoud Pezeshkian, Mustafa Purmohamadi, Alireza Zakani e AmirHussein Qazizadeh Hashemi. Esclusi ancora una volta quindi l’ex presidente Mahmud Ahmadinejad e l’ex speaker del Parlamento Ali Larijani.
I sei candidati sono stati selezionati dal Consiglio dei Guardiani della Costituzione, organo non eletto e dominato dai conservatori incaricato della supervisione delle elezioni, fra le 80 personalità che hanno presentato la propria candidatura.

Chi è il riformista

Il solo candidato del campo riformatore è Massud Pezeshkian, deputato della città di Tabriz ed ex ministro della Salute. Gli altri sono Mohammad-Bagher Qalibaf, presidente conservatore del Parlamento; Alireza Zakani, sindaco di Teheran; Said Jalili, ex negoziatore ultraconservatore sul dossier nucleare; Amir Hossein Ghazizadeh Hashemi, capo ultraconservatore della Fondazione dei Martiri, e Mostafa Purmohammadi, ex ministro dell’Interno.

Gli scartati e il precedente

Fra quelli scartati c’è nuovamente l’ex presidente conservatore Mahmud Ahmadinejad, già escluso dalle presidenziali del 2017 e 2021, oltre all’ex presidente del Parlamento Ali Larijani, considerato un moderato. Il Consiglio dei guardiani della Costituzione non è tenuto per legge a giustificare le proprie scelte.

Nelle elezioni del 2021 Ebrahim Raisi ebbe la meglio e fu eletto al primo turno anche per l’esclusione di tutti i candidati riformisti e moderati da una lista di 592 aspiranti, ridotta dal Consiglio a una rosa di sette candidati finali. In quell’occasione votò solo il 49% degli iraniani: il tasso di affluenza più basso dalla rivoluzione islamica del 1979.

Fonte: Ansa