E’ iniziato il G7: è il primo in presenza dall’inizio della pandemia

Ha avuto ufficialmente inizio in Cornovaglia il primo G7 in presenza dall'inizio della pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:41

Ha avuto ufficialmente inizio in data odierna il G7 del 2021 che quest’anno si tiene nel sud del Regno Unito – precisamente in Cornovaglia – ed è il primo in presenza dallo scoppio dell’emergenza sanitaria da Covid – 19. Il premier inglese Boris Johnson, in qualità di presidente del summit in oggetto, ha ufficialmente aperto le 72 ore di lavori dando il benvenuto ai leader stranieri nella località di Carbis Bay, nella fattispecie essi saranno: il Presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden, il Cancelliere federale della Germania Angela Merkel, il Presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron, il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Mario Draghi, il Primo Ministro del Canada Justin Trudeau, il Primo Ministro del Giappone Yoshihide Suga, il Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel e la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen.

Una auspicabile uscita dalla misera della pandemia

Tanto premesso, in occasione dell’apertura del summit, Boris Johnson ha auspicato che lo stesso possa essere un’occasione enorme per rendere più veloce l’uscita del mondo e dei rispettivi Paesi dalla miseria della pandemia. In seconda istanza – per quanto riguarda il Presidente del Consiglio Mario Draghi – prima di prendere parte ai lavori del G7, lo stesso ha avuto una riunione di coordinamento con i vari leader presenti è sarà l’oratore principale nella prima sessione dedicata ai temi economici in cui si parlerà del ruolo del G7 nella ripresa economica globale, delle politiche per incentivare l’uguaglianza di genere e delle politiche nazionali per incentivare una ripresa più verde e digitale; il titolo di questo intervento sarà: Building Back Better – Recovery for All.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.