Incidenti sul lavoro, morti due operai

Un episodio a Soliero, in provincia di Modena, dove è caduto da otto metri d'altezza mentre ispezionava il tetto di un capannone, l'altro a Comiso, in provincia di Ragusa, dove un muratore è precipitato dal muretto di un terrazzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:11

Altre due vittime di incidenti sul lavoro nella giornata di oggi. Si tratta di un operaio settantenne, Romano Bonfanti, caduto dal tetto di un capannone che stava ispezionando a Soliera, in provincia di Modena, e di un muratore di 66 anni, Francesco Occhipinti, che ha perso la vita mentre era impegnato nei lavori di ristrutturazione di un edificio nel centro storico di Comiso, in provincia di Ragusa.

Cosa è successo

Sarebbe caduto da otto metri di altezza, secondo quanto si apprende, l’operaio di 70 anni, dipendente di una ditta esterna che si occupa di manutenzione dei tetti da cui era regolarmente assunto, mentre stava ispezionando il tetto di un’officina. L’ipotesi è che dei pannelli di amianto avrebbero ceduto. Nell’incidente l’uomo ha riportato un trauma cranico e, portato all’ospedale, è morto due ore dopo. Sul posto 118, carabinieri e Ausl.

Occhipinti si trovava sul muretto del terrazzo di una casa nel quartiere Immacolata, da cui potrebbe essere caduto nel tentativo di aprire e liberare la cassetta dell’impianto del metano, dove si erano piazzati alcuni piccioni. Al momento dell’incidente l’uomo era solo, un altro lavoratore che si trovava nello stabile è accorso dopo aver sentito il rumore dell’impatto della caduta. Il medico legale Giuseppe Algieri ne ha constato il decesso. Sul posto, gli agenti del commissariato di Comiso e la Polizia scientifica, che hanno eseguito i rilievi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.