In fiamme un palazzo di 15 piani a Milano

Il fuoco si sarebbe propagato a partire dall'ultimo piano. Nell'edificio abitano 70 famiglie, non si sa quante fossero persone presenti. "Sono stati contatti tutti i residenti del palazzo, hanno risposto tutti", ha detto il sindaco Beppe Sala

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:28

Un incendio ha pressoché distrutto un edificio in via Antonini, nella periferia sud del capoluogo lombardo, che ospita settanta famiglie. Le fiamme, a quanto si è appreso, si sarebbero propagate a partire dall’ultimo piano. Non si sa quante persone fossero presenti nel palazzo al momento dell’incendio, ma il sindaco di Milano Beppe Sala ha dichiarato: “Per ora non abbiamo segnalazioni di vittime o feriti”.

L’incendio

Il rogo avrebbe cominciato a divampare dalle 17:45, interessando due civici, il 34 e il 32, causando il crollo delle vetrate della facciata e facendo innalzare una colonna di fumo. Sul posto numerose squadre dei Vigili del fuoco e molte ambulanze.

Le parole di Sala

Il primo cittadino ha detto che “sono stati contatti tutti i residenti del palazzo e la buona notizia è che hanno risposto tutti. Da quello che capiamo, avendo contattato tutti, credo che in questo momento che ci siano vittime lo si possa escludere”. “Aspettiamo però di entrare in ogni appartamento, ma possiamo tirare un sospiro di sollievo”, ha aggiunto Sala.

“Ora c’è da pensare a questa povera gente che ha perso tutto, ora un aiuto immediato poi troveremo le formule e ci attiveremo per dargli una mano perché dovranno ricostruire da capo”, ha detto ancora il sindaco. “A latere però le responsabilità: va capito perché in un palazzo di costruzione così recente, di dieci o undici anni fa, possa essere successo quello che è successo”, ha evidenziato il primo cittadino.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.