Incendio distrugge una scuola in paglia e legno in Niger

Sono almeno 26 i bambini che hanno perso la vita nel rogo a Maradi, nel sud del Paese. Lo scorso aprile 20 bambini erano morti in episodio simile in un quartiere popolare di Niamey

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:42

E’ di almeno 26 morti e 13 feriti il bilancio dell’incendio che ha divorato un istituto scolastico nel sud del Niger. E’ stata aperta un’inchiesta per accertare le cause delle fiamme.

Tre giorni di lutto

“Attualmente abbiamo 26 morti e 13 feriti, di cui quattro gravi“, ha dichiarato il governatore di Maradi Chaïbou Aboubacar, specificando che si tratta di studenti del primo anno del corso preparatorio “che hanno quindi tra i 5 ei 6 anni“. Sono inoltre stati decretati tre giorni di lutto nella regione di Maradi. “E’ un incendio che ha decimato una scuola” ma “non abbiamo ancora un bilancio definitivo”, ha spiegato Issoufou Arzika, segretario generale del sindacato degli insegnanti del Niger.

Costruire classi solide

Il Niger è uno dei paesi più poveri del mondo e per rimediare alla carenza di classi le autorità stanno costruendo migliaia di capanne di paglia e legno dove i bambini frequentano le lezioni, a volte seduti per terra. Gli incendi di queste sono relativamente frequenti, ma raramente causano vittime. Il presidente nigeriano Mohamed Bazoum ha recentemente promesso di sostituirle con classi più solide. Già a metà aprile venti bambini di 3, 4 e 5 anni sono morti nell’incendio di classi simili in un quartiere popolare della capitale Niamey. Dopo l’incendio di Niamey, “abbiamo attirato l’attenzione delle autorità sul pericolo rappresentato da queste classi di paglia”, ha ricordato Arzika. “È meglio tenere le lezioni sotto gli alberi che in capanne di paglia che sono diventate tombe infiammabili per gli studenti”, ha detto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.