Il primo zoo in orbita

A bordo c'erano 2 cani, 42 topi, 2 ratti e molte mosche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03
Sputnik 5

Il 19 agosto di 60 anni fa partiva la missione russa Sputnik 5, che ha ispirato il nome del vaccino russo anti-Covid. É stata la prima a riportare a Terra un vero e proprio zoo dopo un viaggio nello spazio.

 

Gli animali a bordo di Sputnik 5

A bordo di quella missione, che aveva aperto la strada al volo di Yuri Gagarin, c’erano due cani, Belka (Scoiattolo) e Strelka (Piccola Freccia), 42 topi, 2 ratti, mosche e un gran numero di piante e di funghi.

Sputnik 5

18 orbite terrestri complete

Tutti i passeggeri avevano percorso 18 orbite terrestri complete e il loro rientro in buona salute era stato un chiaro segnale che le missioni con uomini a bordo erano ormai vicine. Otto mesi più tardi sarebbe infatti partita la Vostok 1 che per la prima volta portava un uomo fra le stelle.

Mentre bordo una telecamera riprendeva le immagini dei cani, a Terra una stazione radio di Bonn. In quella che allora era la Germania occidentale, era tra le prime a captare i segnali dalla navetta, confermati anche da una stazione radio svedese.

Sputnik 5

La capsula è rientrata a Terra il 20 agosto

Poiché uno dei cani aveva avuto delle convulsioni durante la quarta orbita, si decise di limitare il primo volo con equipaggio umano a tre orbite.

Tutti gli animali dello Sputnik 5 sono comunque sopravvissuti al volo spaziale e sono stati furono recuperati in sicurezza. L’anno successivo Strelka ebbe dei cuccioli, uno dei quali Pushinka (Piuma) venne regalato alla First Lady degli Stati Uniti Jacqueline Kennedy. Le due cagnette, imbalsamate, sono ora conservate nel Museo dello spazio e dell’aeronautica di Mosca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.