MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2015, 000:15, IN TERRIS

IL DELITTO D'ONORE TORNA A FAR PAURA

FRANCESCO VOLPI
IL DELITTO D'ONORE TORNA A FAR PAURA
IL DELITTO D'ONORE TORNA A FAR PAURA
In Occidente ci eravamo abituati a considerarlo un, vergognoso, retaggio del passato. Un rituale di sangue legato alla società patriarcale, in cui le donne erano considerate pertinenza degli uomini: di padri e fratelli prima, dei mariti poi. Prive di libertà, costrette a vivere la propria condizione nell'infelicità. L'opposto di quello che una famiglia dovrebbe essere: equilibrata, amorevole, ordinata in base al mutuo rispetto e ai medesimi diritti. Pensavamo che una certa, odiosa, mentalità maschilista appartenesse solo ad alcune realtà geografiche flagellate dal fondamentalismo religioso. E invece il delitto d'onore - quella spregevole facoltà che consentirebbe all'uomo di uccidere la moglie infedele - torna fare capolino anche nell'Ovest del mondo. L'allarme arriva dalla Gran Bretagna, nazione ricca e a vocazione coloniale che nei secoli ha accolto popoli provenienti da ogni angolo del pianeta e, di conseguenza, anche le loro tradizioni, a volte controverse, altre oscure.

A svelare la reviviscenza del fenomeno è stato un gruppo di donne di origine curda e iraniana che vive proprio nel Regno Unito. Dopo una lunga lotta sono riuscite a ottenere la pubblicazione di dati che raccontano una realtà tenuta nascosta dalle stesse autorità di Sua Maestà dietro un muro di omertà, forse per imbarazzo o nel nome del "politically correct". Si è venuti così a scoprire che sono stati 11.744 i crimini di questa matrice registrati in Gran Bretagna fra il 2010 e il 2014. E si tratta solo degli episodi censiti. I reati vanno dall'omicidio, alle percosse, al sequestro di persona (spesso legato a matrimoni forzati). E il movente si ammanta sempre di richiami alla difesa di quelli che vengono spacciati per l'onore e la reputazione di una famiglia o d'una comunità. Vittime, quasi sempre, sono le donne.

Londra è in cima al ranking delle denunce, ma la polizia ne ha raccolte in questi anni da nord a sud dell'isola. Le attiviste che hanno sollecitato la diffusione dei dati invocano adesso "una strategia nazionale", con il coinvolgimento di investigatori, magistratura e scuole del regno. Diana Nammi, direttore della Iranian and Kurdish Women's Rights Organisation - che aiuta donne originarie del Medio Oriente residenti in Uk a tutelare i loro diritti - ha notato che la tendenza non accenna a invertirsi anche a distanza di anni dall'immigrazione in Europa. Il problema è sempre quello: chi subisce, se sopravvive, non si rivolge alle autorità, poiché "molti crimini non vengono denunciati essendo spesso i colpevoli familiari delle vittime". Paura di ripercussioni peggiori ma anche, in un certo senso, di disonorare ancora di più i propri parenti. Un omaggio a quell'errato concetto secondo cui la reputazione abbia solo un valore esteriore ("importante è quello che dice la gente") e non sia, invece, frutto di valori reali, intimi, manifestati concretamente.

Raccogliendo l'appello, Mark Chishty, comandante del dipartimento di polizia che si occupa di questi casi, ha riconosciuto che la divulgazione delle cifre potrà favorire "una migliore comprensione" della realtà. "Ci sono stati enormi fallimenti da parte delle autorità su questo fronte e ce ne dispiace", ha ammesso l'alto funzionario, sottolineando che occorre una "migliore preparazione" degli agenti poiché "la violenza basata sull'onore non è più una questione di nicchia" nel Paese. "Bisognerà lavorare duro e lavorare insieme per sradicare" la malapianta, ha concluso. La Bbc, rilanciando l'allarme in un documentario, ha di recente raccontato la storia esemplare di Anisa (il nome è di fantasia), una ventenne britannica di radici asiatiche nascosta in un rifugio protetto gestito dall'associazione Hestia, per sfuggire ai genitori. Questi l'accusavano di aver "disonorato" la loro casa per aver abbandonato un marito imposto. "Mio marito - rammenta ora lei - mi picchiava almeno due volte alla settimana. Se non cercava di strangolarmi, mi prendeva a pugni e schiaffi. Ma quando hanno saputo che ero scappata, i miei genitori hanno minacciato di uccidermi. E io ho davvero paura".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"