Gli hacker russi annunciano il lancio di un attacco su scala globale

In Italia colpiti alcuni siti istituzionali tra i quali quelli del Senato e della Difesa; tentativo di attacco anche contro Eurovision

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:02

Un attacco informatico su scala globale, una vera e propria guerra informatica. Lo avrebbero annunciato gli hacker russi di Killnet, secondo quanto riportato dal sito di notizie indipendente bielorusso Nexta Tv, spiegando che avrebbero intenzione di attaccare Usa, Germania, Regno Unito, Italia, Lettonia, Romania, Lituania, Estonia, Polonia e Ucraina.

L’attacco in Italia

In Italia, il sito della Polizia ha subito un attacco da parte degli hacker filorussi del collettivo Killnet, gli stessi che nei giorni scorsi hanno colpito alcuni siti istituzionali tra i quali quelli del Senato e della Difesa e che hanno provato a bloccare Eurovision. L’azione, iniziata la scorsa notte, è stata fronteggiata dai tecnici della Polizia supportati dagli specialisti del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipc) della Polizia Postale, per il progressivo ripristino delle piene funzionalità del sito.

L’annuncio di Killnet

Killnet sui suoi canali Telegram ha scritto che “secondo i media stranieri – si legge – Killnet ha attaccato Eurovision ed è stato bloccato dalla polizia italiana. Ma Killnet non ha attaccato Eurovision. Oggi, invece, dichiariamo ufficialmente guerra a 10 paesi, inclusa l’ingannevole polizia italiana. A proposito – concludono gli hacker – il tuo sito ha smesso di funzionare: perché non è stato fronteggiato l’attacco come per l’Eurovision?”. L’attacco non ha provocato danni alle infrastrutture ma si è limitato a saturare le connessioni e ha comportato un rallentamento.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.