Gb, la campagna di vaccinazioni entra in fase 2

Il ministro della salute di Sua Maestà spiega che è ancora prematuro pensare alla fine del terzo lockdown

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:29
pandemia

Procede a ritmo serrato la campagna di vaccinazioni in Gran Bretagna e da oggi entra nella fase 2 dopo la certificazione dell’obiettivo raggiunto ieri – con un giorno di anticipo – della somministrazione della prima dose a oltre 15 milioni di persone.

Chi saranno i prossimi a essere vaccinati

Come confermato alla Bbc da Matt Hancock, ministro della salute, i prossimi a essere vaccinati saranno tutti gli ultrasettantenni residenti nel Regno Unito, gli ospiti delle case di riposo, medici e infermieri addetti all’assistenza. Hancok, inoltre, ha ribadito che il lockdown, al momento, resta una precauzione necessaria ma che intanto la distribuzione dei vaccini è già stata allargata anche agli over 65. Prevista anche un’accelerazione dei richiami, finora fermi a circa 540 mila.

Prematuro pensare alla fine del terzo lockdown

Hancock ha peraltro insistito che al momento è prematuro pensare a revocare il terzo lockdown nazionale in vigore nel Regno, malgrado il calo degli ultimi giorni di contagi e decessi innescati nelle settimane scorse dall’aggressiva “variante inglese” del coronavirus; anche perché i ricoverati negli ospedali per Covid, seppure in discesa, restano al momento “circa 23.000, ossia più del primo picco di aprile”.

Situazione che secondo il ministro impone all’isola di proteggersi ancora e più che mai mentre l’accelerazione dei vaccini punta ad arrivare, fra alcuni mesi, a un’immunità collettiva diffusa: come conferma la stretta divenuta operativa da oggi anche ai confini, con la quarantena obbligatoria in hotel sorvegliati per chi rientra da 33 Stati considerati più a rischio d’importazione di nuove varianti (‘sudafricana’ e ‘brasiliana’ in testa); e conferma dell’isolamento domiciliare (ma con doppio tampone obbligatorio al secondo e all’ottavo giorno di quarantena precauzionale, in aggiunta al test negativo già previsto da presentare all’ingresso) per coloro che arrivano in Gran Bretagna da qualunque altro Paese, Italia inclusa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.