GIOVEDÌ 02 LUGLIO 2015, 000:15, IN TERRIS

GIUBILEO NEL MIRINO, ECCO IL PIANO ANTI-ISIS

FABRIZIO GENTILE
GIUBILEO NEL MIRINO, ECCO IL PIANO ANTI-ISIS
GIUBILEO NEL MIRINO, ECCO IL PIANO ANTI-ISIS
Le prove generali le hanno fatte a Palmira. L'Isis ha fatto saltare in aria due antichi mausolei vicino al sito archeologico romano, in Siria, affermando di aver distrutto "un simbolo del politeismo". C’è chi ha visto il “solito” gesto distruttivo fine a se stesso, la violenza cieca che si abbatte sui simboli oltre che sulle persone.
Ma potrebbe essere qualcosa di più inquietante: un test per calibrare dove e quanto esplosivo va messo per provocare l’implosione di un grande monumento.

Che il Califfato abbia l’Occidente nel mirino è cosa risaputa, così come ormai è acclarato l’utilizzo che i terroristi fanno dei media, tarando alcune loro gesta in funzione dell’impatto comunicativo più che della ferocia di esecuzione.

Ecco perché sta salendo l’allarme per il Giubileo. Ma esiste un piano anti-jihadisti. Perché gli obiettivi possibili, in una Roma invasa da pellegrini cristiani, sono tanti: scuole, monumenti, stazioni, luoghi istituzionali, ambasciate e persino centri commerciali.

Per questo sono state studiate strategie di emergenza per ognuno di questi obiettivi sensibili in caso di attentato, secondo quanto apprende l'Ansa da un documento. Forze dell'Ordine e Viminale hanno composto il risiko dei movimenti all'interno della Capitale dopo gli episodi in Tunisia, a Parigi, l'attentato a Charlie Hebdo e le continue minacce dell'Isis all'Italia. Il programma di emergenza è stato messo a punto dopo mesi di lavoro: ognuno delle centinaia di punti sensibili della città ha un file dedicato, che contiene un ordine ben preciso con un sistema 'ad ingranaggi' e l'entrata in campo di forze dell'ordine e soccorritori, pronto a scattare dall'istante dell'attacco e difendersi.

Tra i più imponenti e significativi, quello a San Pietro o quello al Colosseo. Il piano per l'Anfiteatro Flavio è un esempio: nel raggio di chilometri dal punto dell'eventuale attacco, la zona viene messa in sicurezza ed isolata, con l'intervento di Nocs, Digos, vigili del fuoco, protezione civile e ambulanze pronti a muoversi tra le cosiddette 'zone calde' e 'zone tiepide'. Soprattutto nell'ipotesi dello scoppio di un ordigno, i primi a raggiungere l'epicentro dell'attacco sono i nuclei Nbcr (Nucleare Biologico Chimico Radiologico) dei vigili del fuoco. I reparti antiterrorismo cinturano la zona e le ambulanze restano nella zona tiepida per far partire i mezzi. Ai Fori Imperiali vengono sistemate una sala operativa mobile e un'area sanitaria per soccorrere eventuali feriti. Al Circo Massimo atterra l'eliambulanza. Da via dei Fori Imperiali a via San Giovanni in Laterano, l'arco di Costantino e dall'altra parte il parco di Colle Oppio, delimitano la zona calda e quella tiepida. I mezzi di soccorso, ammassati in uno specifico punto, sono pronti a trasportare eventuali feriti al più vicino Ospedale San Giovanni e, a seguire, nelle altre strutture.

In un eventuale attentato in piazza San Pietro, nel caso di un attacco all'interno dell'area del Vaticano, la zona calda viene delimitata dalla piazza e dal colonnato del Bernini. Nelle piazze adiacenti atterrano elicotteri ed eliambulanze pronti a decollare, oltre a quelli già in volo. Ospedale di riferimento, in questo caso, è invece il Santo Spirito. L'eliambulanza decolla e atterra a largo Giovanni XXIII e i mezzi di soccorso in via della Conciliazione, con la Sala Operativa Mobile vicina al Colonnato. Tutti i piani prevedono uno stravolgimento del sistema di viabilità in tutta la città per permettere a forze dell'ordine, vigili del fuoco, ambulanze e altri mezzi di soccorso di raggiungere le zone calda e tiepida. Una macchina che si attiva e cambia completamente in base al luogo dell'attacco, per limitare i danni e prevenire stragi e altri spargimenti di sangue all'insegna della jihad.

Questo è il “piano” di reazione, ma è chiaro che resta la prevenzione la vera arma sulla quale puntare. Senza dimenticare la protezione degli acquedotti che servono l’intera capitale: un’escalation in questo senso non può essere esclusa, e dunque è indispensabile preparare le contromosse anche in questo campo.
Tornando agli obiettivi più probabili, il cerchio si stringe dunque su San Pietro e Colosseo. Il primo perché, se pur presidiato, è quello che potrebbe fornire il maggior numero di vittime e di rimbalzo mediatico; il Colosseo è l’alternativa, che anche senza far scorrere il sangue che il Califfato vuole avrebbe comunque un enorme impatto mediatico. Ed è più facile da raggiungere. l’intelligence è attivata, ora non bisogna abbassare la guardia.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e della Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"