Gioiosi nella speranza: il festival della gioventù di Lisbona

L'incontro, in linea con la Gmg 2023, prevede momenti artistici e culturali

giovani
Foto di Simon Maage su Unsplash

Su iniziativa del servizio giovani, della pastorale universitaria e del settore animazione vocazionale, a Lisbona oggi si terrà il festival della gioventù sul tema “Gioiosi nella speranza”. In programma quattro laboratori e una mostra sul beato Carlo Acutis

L’inizio alle 15

Oggi, sabato 6 luglio, il patriarcato di Lisbona organizza a Campo Pequeno il festival della gioventù sul tema “Gioiosi nella speranza”, che comprende laboratori e il ritorno del festival diocesano del canto cristiano. Organizzata dal servizio giovani, dalla pastorale universitaria e dal settore animazione vocazionale, l’iniziativa inizierà alle ore 15.00 e si protrarrà fino alla tarda serata. “Uno degli elementi più significativi dell’esperienza della Gmg 2023 di Lisbona è stata la dimensione artistica e culturale, dove molti giovani hanno potuto presentare diverse opere frutto dei loro doni. Pertanto, nel costruire il programma pastorale, è stato previsto un momento culturale come il culmine delle attività dell’anno”, hanno annunciato gli organizzatori in un comunicato.

In programma anche una mostra sul beato Carlo Acutis

Secondo il programma del Festival della gioventù, ci saranno quattro laboratori intitolati “Pregare la speranza: momento di preghiera”, “Cantare la speranza: laboratorio musicale”, “Guardare la speranza: proiezione del film ‘Finché siamo insieme’” e “Toccare la speranza: mostra sul beato Carlo Acutis”. Il XXV festival diocesano del canto cristiano inizierà quindi alle ore 21: un evento che, spiega l’organizzazione, culmina un programma portato avanti da diversi mesi.

I partecipanti

I vicariati sono stati incoraggiati a riprendere i festival musicali locali, cui hanno aderito più di 50 parrocchie; al concorso di sabato 6 luglio prenderanno parte le 12 parrocchie finaliste: Parque das Nações (Lisbona II), Telheiras (Lisbona IV), Carnide (Lisbona V), Carcavelos (Cascais), Algueirão Mem-Martins (Mercês, Sintra), Ericeira (Mafra), Monte Abraão (Amadora), Camarate (Sacavém), Merceana (Alenquer), São Pedro da Cadeira (Torres Vedras), Lamas (Lourinhã) e Turquel (Alcobaça/Nazaré)”, si legge nel comunicato dell’organizzazione.

Fonte: Angesir