Gimbe: “Diminuzione percentuale dei nuovi casi in tutte le Regioni”

Gimbe: "Dal 20 al 26 luglio 2022, le nuove infezioni sono state 473.820 rispetto alle 631.693 della settimana precedente, pari a -25%"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39
Vaccino

Continua, per la seconda settimana consecutiva, il calo di nuovi casi di Covid-19 in Italia. Dal 20 al 26 luglio 2022, le nuove infezioni sono state 473.820 rispetto alle 631.693 della settimana precedente, pari a -25%. Di contro, continuano ad aumentare i decessi, che in una settimana sono stati ben 1.019 a fronte degli 823 della scorsa settimana, pari al +23,8%. Lo evidenzia il nuovo monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe.

In tutte le Regioni si registra una diminuzione percentuale dei nuovi casi (dal -11% della Calabria al -31% della Campania) ma in 16 Province si registrano ancora oltre 1.000 casi per 100.000 abitanti. Intanto, a Wuhan, in Cina, un milione di persone sono state poste in lockdown dopo che sono stati rilevati quattro casi asintomatici.

Le 16 Province in cui si registrano oltre 1.000 casi di Covid-19 per 100.000 abitanti sono: Chieti (1.362), Teramo (1.275), Pescara (1.248), Ascoli Piceno (1.174), Messina (1.112), Fermo (1.103), Macerata (1.084), Rovigo (1.081), Benevento (1.067), Reggio di Calabria (1.059), Catanzaro (1.051), Venezia (1.043), Perugia (1.036), Treviso (1.027), Taranto (1.009) e Avellino (1.006).

In calo i casi attualmente positivi

In calo sono anche i casi attualmente positivi, che sono stati 1.395.433 rispetto a 1.452.941 della settimana precedente, e le persone in isolamento domiciliare (1.383.875 rispetto a 1.441.553), pari entrambi al -4%. Insieme al calo delle nuove infezioni da Sars-CoV-2, si registra una diminuzione del numero dei tamponi rapidi e molecolari effettuati: dai 2.560.557 della settimana 13-19 luglio ai 2.269.242 della settimana 20-26 luglio, pari a -11,4%.

Aumentano le reinfezioni dei guariti

Aumentano invece, secondo il monitoraggio della Fondazione Gimbe [che riprenderà il 25 agosto, ndr], le reinfezioni di guariti. Secondo l’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità, nel periodo 24 agosto 2021-20 luglio 2022 sono state registrate in Italia oltre 813 mila reinfezioni, pari al 5,2% del totale dei casi. La loro incidenza nella settimana 13-20 luglio si è attestata al 12% (75.060 reinfezioni), +11,7% rispetto alla settimana precedente.

Vaccini, Gimbe: campagna quarte dosi non decolla

La Fondazione Gimbe rileva anche un aumento delle quarte dosi di vaccino anti-Covid, con 51.815 somministrazioni quotidiane rispetto alle 44.169 della scorsa settimana (+17,3%) “ma la campagna non decolla” e le cifre sono “ancora molto lontane dal target delle 100mila al giorno fissato dalle linee di indirizzo dell’unità per il completamento della campagna vaccinale”.

In base all’ultimo dato relativo alla prima mattinata del 27 luglio, risultano somministrate 2.139.397 quarte dosi. “Al 27 luglio, considerando over 60 e fragili – spiega il presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta – si contano 896mila non vaccinati, 1,94 milioni senza la terza dose, 14,4 milioni senza quarta dose”.

Frena l’incremento dei ricoveri

Frena anche l’aumento dei ricoveri sia in area medica (149 ricoverati con sintomi, +1,4%) che in terapia intensiva (21 ricoveri, +5,1%) nel periodo 20-26 luglio 2022 rispetto alla settimana precedente.

Secondo il bilancio su sei settimane, “complessivamente – riferisce Gimbe – i ricoveri sono più che raddoppiati in area critica (da 183 il 12 giugno a 434 il 26 luglio) e quasi triplicati in area medica (da 4.076 l’11 giugno a 11.124 il 26 luglio).

Al 24 luglio, ultimo aggiornamento disponibile sul sito Agenas, il tasso nazionale di occupazione da parte di pazienti Covid è del 17% in area medica (dal 9,2% del Piemonte al 42,4% dell’Umbria) e del 4,4% in area critica (dallo 0% di Molise e Valle D’Aosta all’8,5% della Calabria). “In lieve riduzione – tiene a sottolineare Marco Mosti, Direttore Operativo della Fondazione – gli ingressi in terapia intensiva con una media a 7 giorni di 44 ingressi al giorno rispetto ai 49 della settimana precedente”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.