Al Giffoni Festival il docufilm della Polizia contro il bullismo

Valerio Catoia, protagonista del Docufilm, è diventato il testimonial della campagna della Polizia di Stato contro il bullismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:13
bullismo

Un giovane eroe che, dopo aver salvato una bambina dall’annegamento, diventa bersaglio degli haters sui social perché down. Una storia che mostra l’anima oscura del web è l’occasione per parlare ai ragazzi e agli insegnanti dei pericoli di internet.

E’ il contenuto del docufilm “Haters e Piccoli Eroi” prodotto dalla Polizia, che sarà lo strumento per aprire oggi una riflessione, quando gli agenti incontreranno a Giffoni Valle Piana i docenti e i ragazzi che stanno partecipando a due progetti di formazione promossi dall’ente autonomo Giffoni Experience.

La Polizia contro il bullismo

Il primo è “School experience – Alleanze per la scuola”, percorso di formazione dedicato alla comunità educante. Il secondo è “Sedici modi di dire ciao” per il contrasto alla povertà educativa dei minori. Accanto a loro ci saranno il Procuratore presso la Procura per i Minorenni di Salerno, Patrizia Imperato, il vicario del questore di Salerno, Pasquale Picone, la dirigente del Compartimento polizia postale Campania, Maria Rosaria Romano, e il vice direttore del Servizio polizia postale, Barbara Strappato.

A dare il benvenuto a tutti gli ospiti dell’incontro ci sarà la dirigente scolastica della della scuola Don Milani, Daniela Ruffolo. Sarà presente anche Valerio Catoia, protagonista del Docufilm, nominato dal Presidente Sergio Mattarella Alfiere della Repubblica il 12 marzo 2018 per il salvataggio compiuto. “Ha dato prova di grande coraggio, forza e generosità, non esitando a gettarsi in mare e salvando dalle onde una bambina di 10 anni che rischiava di annegare”, si legge nella motivazione del riconoscimento datogli dal Presidente.

Valerio ha risposto agli haters con l’impegno civile per la sensibilizzazione sui rischi della rete diventando testimonial della campagna della Polizia di Stato contro il bullismo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.