Gentiloni: “Sulla legislatura non decide il governo”, Meloni: “Voto subito”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:29

“Sulla durata della legislatura non decide il governo, ne discutono il Parlamento e le forze politiche”. Lo ha detto Paolo Gentiloni da Lisbona, a margine del vertice Euro-Med. Parole che arrivano al termine di una settimana in cui, complice la sentenza della Corte Costituzionale sull’Italicum, il dibattito sul voto è tornato ad accendersi.

Partiti divisi

Le posizioni dei partiti sono note: da una parte il trittico formato da renziani-Fdi/Lega e M5s, che chiede di andare le urne in primavera, dall’altra la minoranza Pd, Forza Italia ed Ncd, che vorrebbero un sistema elettorale omogeneo e non frutto di due distinte decisioni della Consulta. Visione, quest’ultima, che rispecchia quella di Sergio Mattarella. Nel mezzo c’è lui, Gentiloni, intenzionato a portare avanti il percorso di riforme ma destinato a svolgere il ruolo del precario. Per quanto tempo non è ancora chiaro. Molto dipenderà da Matteo Renzi che, tuttavia, nel giorno della sentenza sull’Italicum, ha rotto il silenzio pubblicando sul suo nuovo blog un post dal titolo esplicito: “Il futuro, prima o poi, ritorna”.

Salvini-Meloni: “Voto subito”

Strano ma vero, l’ex premier trova nella sua battaglia per le urne degli alleati inaspettati, come Matteo Salvini e Giorgia Meloni che hanno sfilato a Roma al grifo di: “Subito al voto”. “Qui c’è l’Italia che vuole tornare a votare e difendere la sua identità e che ha bisogno di più sicurezza e che chiede di chiudere le frontiere e vuole investire sulla famiglia – ha scandito dal palco la segretaria di Fdi -. Non c’e’ spazio per l’ambiguità c’è bisogno di coerenza”. Il soggetto politico che i due leader vogliono costruire segue la strada già tracciata dalla Brexit, Le Pen e Trump. “Mi piace pensare che Italia sovrana possa essere la proposta politica con cui ci candiamo alla guida del paese. Chiedo a chi c’era oggi e che non c’è ma che è interessato: chi ci da una mano? Chiedo a tutti di fare uno sforzo mettere insieme le proposte concrete, fare un manifesto, celebrare le primarie e andare a far vincere l’Italia sovrana”. “Della legge elettorale non me ne può fregare di meno – ha detto Salvini -. Qui bisogna andare a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale”.

Fischi per Brunetta

Bisognerà capire se i sovranisti troveranno spazio nell’alveo del centrodestra o se correranno da soli, come già avvenuto alle amministrative romane della scorsa primavera. Le distanze con Forza Italia, al momento, sembrano incolmabili come dimostrano i fischi nei confronti di Renato Brunetta nel momento in cui è salito sul palco del comizio. L’ex ministro non si è lasciato intimorire e ha ribadito il Berlusconi pensiero: “Il centrodestra è plurale. Possiamo vincere anche domani, bisogna omogeneizzare le due leggi e andare al voto, io voglio il centrodestra vittorioso. Non voglio il governo di Renzi, chiunque divide il centrodestra vuole il governo di Renzi. Io voglio Renzi a casa. Sono stato fatti tanti errori nel passato ma se noi continuiamo negli errori lasciamo vincere Renzi e il cosiddetto partito della nazione, se non lo volete dovete volere il centrodestra di governo. Chi non vuole il centrodestra unito si assuma le sue responsabilità“.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.