Francia, il comitato scientifico contro la idroclorochina

L'Agenzia del Farmaco francese annuncia la sospensione dei test clinici a base di idroclorochina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28

L’idrocolochina non deve essere utilizzata al di fuori di test clinici. E’ questa l’opinione dell’Alto Consiglio francese di Salute pubblica, incaricato di contribuire alla lotta al coronavirus. L’organismo ha raccomandato di “non usare l’idroclorochina nel trattamento del Covid-19” sia assunta da sola o associata ad un antibiotico. Il ministro della Salute, Olvier Veran, si era rivolto all’organismo dopo la pubblicazione di uno studio critico su questo contestato rimedio che Oltralpe è stato promosso dal virologo Didier Raoult che ha spaccato la Francia tra favorevoli e contrari.

La decisione dell’Agenzia del farmaco francese

Dopo le dichiarazioni dell’Oms, anche l’Agenzia del farmaco francese ha annunciato l’intenzione di voler sospendere i test clinici a base di idroclorichina in Francia “in attesa di una nuova valutazione globale rischi/benefici di questa molecola nei test clinici”. Secondo quanto riferito dall’Agenzia citata da Bfm-tv, sono in totale 16 i test clinici di questo tipo lanciati nel Paese dall’inizio dell’epidemia da Covid-19.

I test in corso verranno portati a termine

L’Agenzia francese del farmaco ha annunciato, in particolare, l'”avvio” della procedura di sospensione, a titolo “precauzionale”, di nuovi test clinici su futuri pazienti per valutare l’idroclorochina nel trattamento da Covid-19. Una decisione che segue la pubblicazione di uno studio sfavorevole rispetto all’uso dell’antimalarico pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). La sospensione riguarda solo i test futuri. “I pazienti già in corso di trattamento nel quadro dei test clinici a base di idroclorochina potranno proseguire fino alla fine del protocollo”, precisa l’Agenzia francese del Farmaco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.