E’ morto il principe Filippo, settant’anni accanto alla Regina

Addio al consorte di Elisabetta II. Figura di riferimento della Royal Family, da tempo si era ritirato dalla vita pubblica. Aveva 99 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:32
Filippo di Edimburgo

Al fianco della sua Regina ma anche di sua moglie. E per oltre settant’anni. Una figura granitica, un leader silenzioso e anche discreto Filippo di Edimburgo, scomparso alla soglia dei cento anni, lasciando vedova la regina del Regno Unito, Elisabetta II. Testimone della grande rivoluzione sociale del Novecento, dall’infanzia complicata e dalla vita adulta trascorsa accanto a un monumento vivente. Non facile ma l’unico in grado di avere con la Sovrana un rapporto del tutto umano. Anche troppo forse, visto che fu lui a incarnare più di tutti il vento di cambiamento che, inevitabilmente, la monarchia britannica si è trovata ad affrontare nell’ultimo mezzo secolo. Nel bene e anche nello stile meno sobrio degli altri componenti della Royal Family. L’annuncio della sua morte è arrivato con un comunicato di Buckingham Palace. Al dolore della famiglia reale si aggiunge quello del Regno Unito.

Filippo, un’infanzia difficile

Una Gran Bretagna che ha visto cambiare, modificarsi. Lui, principe di Grecia e discendente di una nobile casata, tedesca e danese, numero due per una vita. Europeo, fuori canone, personalità spigliata, il suo destino lo aveva accettato da tempo. Quello di una vita tutt’altro che semplice, forgiata da difficili prove affrontate già in giovane età. Come gli anni dell’adolescenza trascorsi nelle umide Highlands di Gordonstoun, o i funerali di sua sorella Cecilia, di suo cognato e dei suoi nipoti, periti in un incidente aereo. Ai quali presenziò a Darmstadt, in una Germania già alle soglie della Seconda guerra mondiale. Ma anche la morte dello zio e mentore, George Mountbatten, ultimo vero legame con il suo cognome e le sue origini.

Principe e consorte

Rivoluzionario fin dal principio, chiese e ottenne di trasmettere (via BBC) il suo matrimonio con Elisabetta II. Coronamento di un rapporto propiziato dallo zio Louis Mountbatten e rafforzato da uno scambio epistolare con la futura sovrana durante gli anni Quaranta. Gli ultimi scampoli di innocenza in una vita matrimoniale che, per oltre settant’anni, lo vedrà consorte e suddito allo stesso tempo. Ma forse l’unico in grado davvero di offrire alla stagionata monarchia britannica qualche barlume di innovazione, a cominciare dalla condivisione con il popolo delle sue nozze. Spirito esuberante, grande sportivo e pilota di aerei, forse fu una figura vicina agli inglesi anche più della sua regina. Anche per i suoi modi più ufficiosi che ufficiali di approcciare al galateo dell’alto rango. E in un Regno Unito che ha tagliato gli ultimi fili con l’Europa probabilmente mancherà molto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.