Accadde oggi: Fausto Coppi campione bis nel 1949 (VIDEO)

Settantanni fa Fausto Coppi entrava a Parigi in maglia gialla. Il corridore italiano vince per la prima volta il Tour de France precedendo Bartali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:22

Era 24 luglio 1949 quando Fausto Coppi vinse il Tour De France precedendo in classifica Gino Bartali. Fu l’uomo dell’accoppiata perché Coppi fu il primo ciclista a vincere nello stesso anno anche il Giro-Tour.
Nato a Castellania il 15 settembre 1919, morì a Tortona a soli 41 anni il 2 gennaio 1960.
Da sempre è considerato l’uomo dei record, uno dei più grandi e popolari atleti di tutti i tempi fu un corridore completo e adatto ad ogni tipo di competizione su strada.
Per questo motivo prese il soprannome di “il Campionissimo” o “l’Airone”.

Video editato da ©alexbehind

l Tour de France del 1949

Coppi vince il Giro d’Italia e nello stesso anno punta così alla doppietta al Tour de France. Dopo le prime quattro tappe, i due azzurri incassano 17 minuti di ritardo dal giovane e sorprendente leader Jacques Marinelli, che approfittò di tre fughe, arrivando due volte secondo.
La rimonta di Coppi Nella quinta tappa Coppi cadde e solo grazie a Bartali risalì in sella e terminò la frazione raggiungendo il gruppo nel finale. Per il 30enne di Castellania sembra tutto finito, con un ritardo abissale. Tuttavia, nella settima tappa, una cronometro di 92 km, Coppi sconfisse tutti nettamente. Nella decima tappa, a Pau, Magni vince e conquista la maglia gialla.  Il duello decisivo Arrivati sulle Alpi, nella Cannes-Briançon, Bartali riesce a vincere la tappa conquistando il primato. Il giorno dopo, con arrivo a Aosta, Coppi mette la freccia e strappa la maglia gialla. Con la cronometro, l’Airone mette il sigillo alla vittoria della Grande Boucle. E il 24 luglio 1949 entra trionfante a Parigi.

Gino Bartali e Fausto Coppi al Musichiere (1959) ©VOCEDITALIA

La competizione di Fausto Coppi con Gino Bartoli

La sua rivalità con Gino Bartali è storica. All’epoca divise l’Italia nell’immediato dopoguerra (anche per le presunte diverse posizioni politiche dei due).
Celebre nell’immortalare un’intera epoca sportiva – tanto da entrare nell’immaginario collettivo degli italiani – è la foto che ritrae i due campioni mentre si passano una bottiglietta durante una salita al Tour del 1952.

fausto coppi

 

Un’icona per sempre

Le sue imprese e le tragiche circostanze della morte ne hanno fatto un’icona della storia sportiva italiana e, a decenni dalla scomparsa, la sua popolarità e fama appaiono immutate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.