SABATO 02 MAGGIO 2015, 13:00, IN TERRIS

EXPO: IL DAY AFTER. MILANO FERITA, MILIONI DI DANNI

Il reato ipotizzato è quello di “devastazione”, Arrestati 5 blackbloc

MILENA CASTIGLI
EXPO: IL DAY AFTER. MILANO FERITA, MILIONI DI DANNI
EXPO: IL DAY AFTER. MILANO FERITA, MILIONI DI DANNI
La Procura di Milano ipotizza il reato di “devastazione” e pene fino a un massimo di 15 anni di carcere. È questo il risultato degli scontri lungo le strade meneghine tra forze dell’ordine e i cosiddetti Black Bloc, centinaia di facinorosi che hanno (incivilmente) protestato contro l’avvio dell’Expo. Alla fine il bilancio dei numeri è di 11 feriti tra le forze dell'ordine e di dieci antagonisti accompagnati in questura. In cinque sono stati arrestati in flagranza: si tratta di due donne di 33 e 42 anni e tre uomini di 32, 33 e 27 anni. Altri tre (due italiani e un francese) sono stati fermati mentre caricavano su un auto zaini con indumenti neri e armi improprie.

La Regione Lombardia metterà a disposizione un milione e mezzo di euro per risarcire i cittadini dei danni subiti durante gli incidenti di ieri nel corso della manifestazione No Expo a Milano.

In serata il sindaco Giuliano Pisapia ha anticipato che il Comune di Milano si costituirà "parte civile" nei processi contro i "delinquenti e idioti" che hanno devastato la città. Quasi 500 anarchici, provenienti da mezza Europa, si sono staccati dal corteo – pacifico – organizzato dai “No-Expo” e hanno trasformato le strade di Milano in una location da guerriglia urbana, con tanto di devastazioni di vetrine, auto incendiate e bombe carta lanciate nei locali di quei sfortunati che possiedono attività commerciali lungo le vie che portano al centro. “In momenti come questi - ha dichiarato ieri sera il prefetto Francesco Paolo Tronca - bisogna evitare di perdere il controllo della situazione, ma occorre tenere grande saldezza”. Sempre il Prefetto ha convocato per oggi in Comune il Comitato per l'ordine e la sicurezza per fare il punto sui disordini.

Intanto dell’Italia si parla molto anche all’estero, non solo per la grande partecipazione – quasi 200 mila presenze – ottenuta all’avio dell’esposizione universale. Gli incidenti causati dai Black Bloc a Milano hanno purtroppo trovato larga eco sulla stampa estera che, attraverso titoli, foto e video, hanno raccontato le ore di violenze. “L'Expo mondiale, rovinato dagli scontri, che punta a tirar fuori l'Italia dalla crisi” titolava oggi il Financial Times; “La violenza oscura l'inizio di Milano Expo con gli scontri tra polizia e manifestanti” spiegava sempre oggi il quotidiano britannico The Guardian; “Nel centro di Milano è stato il caos” scrivono i tedeschi di Der Spiegel, mentre in Spagna, secondo El Pais, le autorità italiane “sanno prevedere gli scontri ma non evitarli”. Visti i risultati, difficile dar loro torto.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia