LUNEDÌ 12 OTTOBRE 2015, 000:03, IN TERRIS

EFFETTO MIGRANTI A VIENNA, LA DESTRA XENOFOBA AL 30%

ANGELO PERFETTI
EFFETTO MIGRANTI A VIENNA, LA DESTRA XENOFOBA AL 30%
EFFETTO MIGRANTI A VIENNA, LA DESTRA XENOFOBA AL 30%
I socialdemocratici dell'Spo hanno vinto le elezioni comunali a Vienna con il 39,5% dei voti, ma è l'estrema destra xenofoba del'Fpoe la vera trionfatrice nelle urne, avendo ottenuto il suo miglior risultato di sempre nella capitale austriaca con il 30,9%: è quanto emerge dai primi exit poll diffusi dai media austriaci. Per i socialdemocratici del sindaco Michael Haeupl, che governano ininterrottamente la citta' di Vienna dal 1945, si tratterebbe di un arretramento del 4,9%, comunque molto inferiore rispetto alle previsioni catastrofistiche della vigilia. Il Partito della libertà austriaco, la formazione anti-europea di Heinz Christian Strache, guadagna il 5,1%, meno di quanto previsto dai sondaggi sull'onda dell'emergenza migranti, che ha invece premiato, come detto, gli estremisti del Fpoe. Solo a settembre sono transitati per l'Austria e per Vienna piu' di 150.000 migranti provenienti dal Medio Oriente, una crisi che è stata cavalcata dall'estrema destra che chiedeva di chiudere le porte a questa marea umana.

Terza forza della capitale austriaca sono i Verdi, alleati dell'Spo, che ottengono l'11,5%,un punto in meno rispetto al 2010 e quindi dovrebbero formare un nuovo governo regionale con i socialdemocratici. Crollano i conservatori del Partito popolare (Ovp-cristiano-conservatore), passatri dal 14% al 9,3% mentre ottiene seggi il partito liberale Neos, che con il 6,2% supera per la prima volta la soglia di sbarramento del 5%.

Ma l'Austria non è l'unico Paese dove gli estremismi fanno breccia. Va registrato il recente successo del Partito del popolo in Danimarca; il partito neo-populista è riuscito a ottenere il 20 per cento. Anche in Svezia (Nuova democrazia), Finlandia e Norvegia (Partito del progresso), le destre nazionaliste sono cresciute in maniera costante negli ultimi anni.

Nell’Est europeo, forse anche come reazione ad anni di dittature comuniste, sono presenti formazioni ultranazionaliste: il Partito della Grande Romania, i liberaldemocratici russi di Zhirinovski, il Partito nazionalista slovacco e la destra croata (Hrvatska Stranka Prava), per citarne alcuni. In Ungheria è Fidesz a essere al centro delle cronache, per il pericoloso incrocio di una linea politica fortemente nazionalista e un flusso migratorio tra i più forti mai vissuti dal paese magiaro.

Infine ci sono quelli più noti al grande pubblico: l'Ukip di Nigel Farage nel Regno Unito, Alba Dorata in Grecia o il Front National di Marine Le Pen in Francia, che continuano la loro marcia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano