DOMENICA 23 OTTOBRE 2016, 17:44, IN TERRIS

Effetto Brexit: grandi banche in fuga dal Regno Unito

EDITH DRISCOLL
Effetto Brexit: grandi banche in fuga dal Regno Unito
Effetto Brexit: grandi banche in fuga dal Regno Unito
Il Regno Unito si appresta a vivere una fase drammatica per la sua finanza. Come inevitabile conseguenza della Brexit le grandi banche britanniche sono pronte a lasciare Londra. L'ha detto chiaro e tondo il capo della British Bankers Association, Anthony Browne, secondo cui gli istituti più grossi hanno messo su appositi team e si stanno preparando al trasloco nei primi mesi dell'anno prossimo, mentre quelli più piccoli potrebbero dire addio a Londra e dintorni già prima di Natale.

Browne ha lanciato l'allarme dalle colonne dell'Observer, senza citare alcuna banca in particolare, ma spiegando che gli istituti non possono aspettare l'ultimo minuto per agire e sono quindi costretti a "pensare al peggio", soprattutto perché "il dibattito pubblico e politico al momento ci sta portando nella direzione sbagliata". Il problema non sta solo nel clima che si sta creando, con la decisa recente presa di posizione del presidente francese Francois Hollande ("La signora May vuole un Brexit duro? I negoziati saranno duri", ha avvertito), ma soprattutto in una questione tecnica, e cioè l'incertezza sul mantenimento o meno dei cosiddetti "diritti di passaporto" per i membri del mercato unico, che finora hanno permesso alle banche basate nel Regno Unito di offrire servizi finanziari a società e persone nell'intera Unione europea senza alcun ostacolo.

Se il segretario alla Brexit, David Davis, la scorsa settimana ha tentato di rassicurare il settore affermando di essere "determinato a ottenere il migliore accordo possibile per le banche", la premier Theresa May non sarebbe propensa ad accordare uno status speciale per la City di Londra (magari attraverso il versamento di indennizzi all'Ue proprio per mantenere i diritti di passaporto), preferendo mantenere la priorità dei controlli alla libertà di movimento degli stranieri.

Stando a calcoli della società di consulenza Oliver Wyman citata dall'agenzia Bloomberg, imporre restrizioni all'attività finanziaria porterebbe a una perdita dei ricavi per le società britanniche fino a 40 miliardi di sterline (circa 45 miliardi di euro) e mettere in pericolo 70mila posti di lavoro. Ma non solo: secondo Browne rischi esistono anche per il resto dell'Europa, perché le banche basate nel Regno Unito "mantengono a galla finanziariamente il continente" con prestiti per 1.100 miliardi di sterline: il rubinetto potrebbe quindi chiudersi. Browne, insomma, ha messo in guardia i politici britannici ed europei che sembrano preferire obiettivi "dannosi" per il commercio internazionale: devono rendersi conto, ha avvertito, che "innalzare barriere al commercio nei servizi finanziari oltremanica ci danneggerà tutti".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
Poliziotti russi (repertorio)
TERRORISMO

Sventato attacco dell'Isis a San Pietroburgo

Putin ha ringraziato Trump per le informazioni passate dalla Cia all'Fsb
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Robert Mueller
RUSSIAGATE

Accuse a Mueller: "Mail acquisite in modo illegale"

Lo sostiene Kory Langhofer, legale di "Trump of America". La replica: "Avevamo il consenso"