Ecco quanti italiani andranno in vacanza a giugno: l’analisi Coldiretti

Secondo l'analisi Coldiretti/Ixé l'avvio della stagione turistica rappresenta comunque l'occasione per risparmiare con sconti rispetto all'alta stagione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:09

Sono 6,5 milioni gli italiani che quest’anno hanno scelto di andare in vacanza a giugno spinti dalla voglia di svago dopo due anni difficili ma anche dal ritorno del caldo. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Ixe’ nel week end che con la chiusura delle scuole segna tradizionalmente l’inizio delle ferie. Le partenze del mese sono in netto aumento rispetto allo scorso anno (+67%) su livelli vicini – sottolinea la Coldiretti – a quelli di prima della pandemia.

L’avvio della stagione turistica

Alle partenze per le vacanze durante il week end si aggiungono quelle per le gite in giornata verso le località di mare, laghi ma anche in campagna. Se la guerra e la crisi energetica ha provocato un aumento dei costi delle vacanze, l’avvio della stagione turistica – afferma la Coldiretti – rappresenta comunque l’occasione per risparmiare con sconti rispetto all’alta stagione che possono superare il 25%. I listini per l’alloggio, il vitto ma anche ombrelloni e lettini infatti subiscono – precisa l’organizzazione – un’impennata a partire dal mese di luglio per toccare i valori massimi nella prima metà di agosto. Se in piena estate è il mare a fare la parte del leone, in questo periodo dell’anno particolarmente apprezzate sono anche le scelte alternative per conoscere una Italia cosiddetta “minore” dai parchi alla campagna, dalla montagna fino ai piccoli borghi che fanno da traino al turismo enogastronomico, con ben il 92% delle produzioni tipiche nazionali che nasce nei comuni italiani con meno di cinquemila abitanti.

Molto gettonati gli agriturismi

Molto gettonati, secondo Campagna Amica, i 25mila agriturismi presenti in Italia che consentono di vivere in questo periodo i cicli stagionali delle produzioni, dalla raccolta del grano a quella della frutta. Se la cucina a chilometri zero resta la qualità più apprezzata, a far scegliere l’agriturismo – conclude la Coldiretti – è la spinta verso un turismo più sostenibile che ha portato le strutture ad incrementare anche l’offerta di attività con servizi innovativi per sportivi, curiosi e ambientalisti, oltre ad attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici o wellness.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.