DOMENICA 26 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

ECCO PERCHÉ I JIHADISTI SONO IN ITALIA

ANGELO PERFETTI
ECCO PERCHÉ I JIHADISTI SONO IN ITALIA
ECCO PERCHÉ I JIHADISTI SONO IN ITALIA
Forse non usavano i barconi della speranza per far entrare i jihadisti votati alla morte, ma certo lucravano sull'immigrazione clandestina per foraggiare i militanti di Al-Qaeda e fornire soldi all'organizzazione. Approfittando dell'isolamento dell'Italia nel gestire il massiccio arrivo di migranti, si insinuavano nelle crepe del sistema di accoglienza e progettavano l'attacco al cuore della cristianità: Roma.

Lo facevano consci della sostanziale impunità che l'ordinamento italiano offre ai criminali. Una parte dell'ordinanza con cui sono state arrestate 20 persone (l'organizzazione con base in Sardegna predicava la lotta armata contro l'Occidente e attentati contro il governo del Pakistan) riguarda infatti l'attentato esplosivo nel mercato di Peshawar del 28 ottobre 2009 che causò la morte di oltre cento persone e che gli inquirenti ritengono essere stato preparato e finanziato in Sardegna, in particolare a Olbia. "Qui la legge è diversa da quella del Pakistan!... - emerge da una conversazione tra gli indagati - Qui non c'è l'impiccagione! Soltanto tre anni di carcere e basta! E poi se uccidi qualcuno fai soltanto tre anni di carcere".

A 48 ore dall’operazione della procura di Cagliari, dunque, emergono nuovi particolari. Soprattutto si chiariscono meglio - grazie proprio alle intercettazioni - i contorni dell'organizzazione criminale che da anni si stava muovendo in Italia pronta a colpire, e quanto la scelta del suolo italiano fosse funzionale ad agire con il minor rischio possibile, complici un sistema legislativo e un ordinamento giudiziario particolarmente garantisti.

Il fatto che si parli di episodi risalenti al 2010 è del tutto marginale, visto che i protagonisti sono ancora tutti nel Belpaese, alcuni addirittura residenti e inseriti a pieno titolo nel tessuto sociale.

Piazza_SanPietro3L'attentato ipotizzato al Vaticano era di quelli "classici": far esplodere un kamikaze in un posto molto affollato. Dalle parole registrate dagli inquirenti appare chiara la dinamica e presumibile l'obiettivo: piazza San Pietro, in un giorno in cui la folla di fedeli fosse al suo limite massimo.

“Roma era piena, quando arriverà a quattro milioni di persone, se lui entrerà dentro, in mezzo alle persone… No, lui, in quell’aria delimitata, però qui”. Quando lo intercettano, al di là delle frasi poco comprensibili e di una traduzione approssimativa, Nazi Mir si trova al telefono, a breve distanza da piazza San Pietro. È il 24 settembre del 2010 e già da tempo la Digos indaga su quel pakistano dalle amicizie pericolose.

Sempre secondo la procura di Cagliari, per realizzare l'attentato era arrivato un uomo chiamato Tanveer. Lui “non è un kamikaze qualunque”, si dice in un'altra delle intercettazioni contenute nell’ordinanza del gip del capoluogo sardo, “È un fidai dai piedi al collo”, riferendosi a “un combattente votato al martirio”.

A settembre 2010, però, quando Mir viene intercettato, Tanveer non è più nella capitale, fatto sparire qualche mese prima dopo una serie di perquisizioni della Digos che aveva deciso di accelerare i tempi per anticipare le mosse dei terroristi. L’allarme, però, non impedisce ai presunti estremisti di continuare a progettare un attentato. Scrive il gip di Cagliari: “L’allontanamento forzato dell’attentatore designato non fece comunque cadere i progetti delittuosi”.

In un'ennesima intercettazione datata 19 settembre 2010 si dice: “Quella missione che noi ti abbiamo affidato, è importante eliminare il loro plar (capo, ndr)… Cosa hai fatto? Ci sono tanti soldi sul loro papa (o baba, ndr), noi stiamo facendo una grande jihad contro di lui”. Aggiunge in nota il gip: “I riferimenti al “capo”, secondo la Digos, potrebbero essere correlati al Pontefice (all’epoca Benedetto XVI, ndr), ma, come si è detto, non vi sono elementi sufficientemente univoci per trarre questa conclusione”.

Se non c'è matematica certezza su tempi ed obiettivi, c'è però sul fatto che un'organizzazione jihadista abbia attecchito in Italia. E c'è altresì sul perché sia stata scelta la nostra nazione: non per una motivazione strategica dovuta alla sua posizione geografica, ma alla debolezza del suo sistema giuridico-legislativo. Ed è questo l'aspetto più inquietante.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione