DOMENICA 02 AGOSTO 2015, 000:15, IN TERRIS

EBOLA-KILLER, DIFENDERSI E' POSSIBILE

FABRIZIO GENTILE
EBOLA-KILLER, DIFENDERSI E' POSSIBILE
EBOLA-KILLER, DIFENDERSI E' POSSIBILE
L’emergenza è mondiale, vista la pericolosità del virus che ha già fatto migliaia di vittime. Stiamo parlando dell’Ebola, nome che evoca morte e sofferenza. Sono tanti i Paesi in cui si sono registrati dei casi: Guinea, Liberia, Sierra Leone, Spagna, Stati Uniti. A questi si devono aggiungere il Congo e il Mali. Ora, dopo anni di sconfitte, la ricerca sembra aver trovato una cura. Ad affermarlo, con un ottimismo che ha pochi precedenti, è l'Oms (Organizzazione mondiale della sanità), che ha anticipato i risultati preliminari dei test clinici in Guinea.

Nonostante gli errori, le discussioni accademiche che hanno portato a enormi ritardi e le difficoltà nel fare in pochi mesi ciò che normalmente richiede una decina d'anni, dunque, una via di prevenzione sembra essere efficace al 100%, e potrà contribuire a mettere la parola fine all'epidemia in corso in Africa Occidentale. "Il mondo è sul punto di avere un vaccino per Ebola", ha affermato Marie-Paule Kieny, assistente del direttore generale dell'Oms, pur ricordando che il test continua per avere evidenze più forti sull'efficacia.

Il test, ha specificato Kieny, è stato condotto con il vaccino Vsv-Ebov scoperto dal National Institute of Health canadese e ora sviluppato dalla multinazionale Merck Sharp and Dohme. I risultati preliminari, pubblicati su Lancet, mostrano una protezione completa per gli oltre duemila vaccinati, mentre nel gruppo di controllo, di oltre 3mila persone ci sono stati 16 casi. "Per il test sono stati creati degli 'anelli di protezione' vaccinando i contatti di pazienti noti e i loro contatti - ha spiegato l'esperta -. ad alcuni anelli veniva poi assegnata la vaccinazione subito, mentre gli altri l'avevano dopo 21 giorni. Nel primo gruppo, fatta eccezione per persone che erano già infette al momento della vaccinazione, non ci sono stati casi, mentre nel secondo ne abbiamo avuti 16".

I risultati del vaccino, ha aggiunto Kieny, sono così buoni che una commissione indipendente che ha revisionato i risultati ha consigliato di interrompere di fatto il test estendendo a tutti gli 'anelli' già reclutati la vaccinazione immediata, e di iniziare a pensare a un nuovo test che coinvolga anche i bambini, finora tenuti fuori. Anche Medici senza Frontiere, che ha partecipato alla sperimentazione, ha auspicato che il vaccino venga usato subito anche in tutti gli altri paesi colpiti da questa epidemia.

Il direttore scientifico dell'Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito, definisce ''grande svolta'' il vaccino sperimentale contro il virus. ''Sicuramente - chiarisce Ippolito all'Ansa - questo vaccino rappresenta un grandissimo passo avanti nella lotta contro Ebola anche se, purtroppo, giunge tardi, quando l'epidemia sta ormai scemando. Si tratta di un vaccino preventivo ed i test di fase III hanno appunto dimostrato che i soggetti campione cui è stato somministrato, e che avevano avuto contatti con persone infettate, hanno sviluppato una risposta immunitaria al virus. Questi soggetti, dunque, non dovrebbero ammalarsi''.

Da qui, chiarisce, il modello di somministrazione proposto ad 'anelli concentrici': ''Il vaccino andrebbe cioè dato alle persone che sono entrate in contatto con un infetto, partendo da quelle che hanno avuto contatti maggiori, Ciò al fine di garantire una protezione 'allargata' in caso di epidemie''. Insomma, una sorta di 'blocco' al virus, per impedire che dal caso '1' possa poi propagarsi ad altri.

Di fronte ad eventuali future emergenze, dunque, il vaccino preventivo rappresenterebbe un''arma' fondamentale: ''Ma va detto - precisa Ippolito - che ci sono anche altri vaccini in fase avanzata di sviluppo. E' dunque verosimile che, a breve, avremo a disposizione più vaccini contro Ebola''. A fronte di ciò, avverte l'esperto, diventa però ora ''urgente mettere a punto delle strategie che garantiscano l'accesso e la diffusione dei vaccini stessi: questo vaccino, in particolare, è uscito dal laboratorio ed è stato dato a migliaia di soggetti campione; ma una cosa è somministrare il farmaco nell'ambito di uno studio, un'altra è garantirlo in caso di emergenza ad un grandissimo numero di persone''.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano