Due incidenti stradali con vittime

Una donna di 49 anni è stata trovata senza vita nell'auto in un canale non lontano da Marina di Grosseto, mentre un uomo è deceduto in un frontale nel cuneese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55

Doppia tragedia sulle strade italiane. Il corpo senza vita di una donna è stato trovato a bordo dell’auto di cui era alla guida in un canale in località Casotto Venezia, non lontano da Marina di Grosseto. Più a nord, in un frontale lungo la statale dei laghi di Avigliana, in Piemonte, è morto un uomo. di 38 anni, mentre l’altro ha riportato lievi ferite.

Nel canale

Sarebbe uscita di strada con l’auto finendo nel fosso, la donna di Grosseto di 49 anni  trovata morta nell’auto di cui era alla guida. L’ha scoperta la polizia municipale del capoluogo maremmano, che si è accorta dell’auto nel canale San Rocco lungo la strada delle Collacchie, in località Casotto Venezia, a pochi chilometri da Marina di Grosseto, rinvenendo così la donna deceduta all’interno. Sul posto anche i vigili del fuoco, i carabinieri e il 118.

Il frontale

Non c’è stato nulla da fare per Paolo Tuninetti, 38 anni, residente a Revello, in provincia di Cuneo, coinvolto in uno scontro frontale tra due auto tra le province di Torino e Cuneo. L’incidente è avvenuto in un tratto rettilineo lungo lungo la statale 589, al confine tra i comuni di Cavour e Barge. Tuninetti era al volante di una Mercedes che, durante un sorpasso, si è scontrata con una Ford, ha sbandato ed è carambolata sull’asfalto. E’ morto poco dopo l’arrivo dei soccorsi, mentre il conducente della Ford ha riportato delle ferite lievi. Sono intervenuti 118, vigili del fuoco e carabinieri e la statale è rimasta chiusa al traffico per oltre due ore, per permettere soccorsi e rilievi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.