Don Ivan Maffeis è il nuovo arcivescovo di Perugia-Città della Pieve

Don Ivan Maffeis succede al Card. Gualtiero Bassetti, nominato 13 anni fa vescovo di Perugia da Papa Benedetto XVI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Papa Francesco ha nominato Arcivescovo Metropolita di Perugia-Città della Pieve don Ivan Maffeis, del clero dell’arcidiocesi Metropolitana di Trento, finora parroco Rovereto, Trambileno, Vanza, Noriglio e Terragnolo. Don Maffeis succede al cardinale Gualtiero Bassetti nello stesso giorno in cui tredici anni fa il suo predecessore è stato nominato arcivescovo di Perugia-Città della Pieve da papa Benedetto XVI.

La biografia di don Ivan Maffeis

S.E. Mons. Ivan Maffeis è nato il 18 novembre 1963 a Pinzolo, in provincia e Arcidiocesi di Trento. Dopo aver compiuto gli studi superiori e filosofico-teologici presso il Seminario Arcivescovile di Trento. È stato ordinato sacerdote il 26 giugno 1988 per l’Arcidiocesi Metropolitana di Trento.

Dopo l’ordinazione presbiterale ha svolto i seguenti incarichi: Vicario Parrocchiale a Mori (1988-1990); Dottorato in Scienze delle Comunicazioni Sociali presso l’Università Pontificia Salesiana (1990-1994); Parroco a Trento (1994-2000); Docente in Seminario (1994-2009); Assistente Diocesano di Azione Cattolica (2000-2002); Direttore del Settimanale Diocesano Vita Trentina e della Radio Diocesana (2001-2009); Vice-Direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della CEI (2010-2015) e Responsabile del Personale (2012-2020); Direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali (2015-2019) e Sotto-Segretario della CEI (2015-2020). Dal 2017 è inoltre Consultore presso il Dicastero per la Comunicazione.

Dal 2010 è stato Docente presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana e presso la Pontificia Università Lateranense.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.