In discesa i nuovi contagi e i decessi

In un giorno sono stati effettuati 174.227 tamponi, molecolari e antigenici, e il tasso di positività è sceso dal 17% al 14,6%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:03
Covid bollettino

Diminuiscono i nuovi casi giornalieri di positività al Covid individuati nel nostro Paese, così come i decessi, secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute. Risale invece a livello nazionale la curva della percentuale dei positivi al test molecolare per il Covid e a livello delle province, in 95 su 107 si osserva un aumento dell’incidenza. Lo rileva l’analisi analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le applicazioni del calcolo “M. Picone”, del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr).

I dati

I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 25.389, quando ieri erano stati 35.360, mentre i decessi scendono da 134 a 112.

In un giorno sono stati effettuati 174.227 tamponi, molecolari e antigenici, e il tasso di positività è sceso dal 17% di 24 prima all’odierno 14,6%.

Calano di 15 unità i pazienti in terapia intensiva, da 254 a239, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 6.170 (208 in meno).

Sebastiani (Cnr): “Percentuale positivi al test molecolare cresce”

“L’analisi alle differenze settimanali mostra che la percentuale di positivi ai test molecolari a livello nazionale è in fase di crescita“, osserva l’esperto del Cnr. “Al dettaglio più fine, quello provinciale, lo stesso tipo di analisi sull’incidenza di positivi totali rivela che ci sono 95 delle 107 province italiane dove siamo in una fase di crescita, che per 89 province è iniziale. Di queste 95 province, le sei restanti non sono in fase iniziale e l’incidenza negli ultimi sette giorni è aumentata di almeno il 50% rispetto ai sette giorni precedenti”, aggiunge Sebastiani, riferendosi alle province di Potenza, Catanzaro, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Nuoro ed Enna.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.