Vigevano, uccide la compagna e si costituisce 24 ore dopo

Il fatto sarebbe avvenuto martedì 10 agosto, ma l'uomo sarebbe andato in commissariato il giorno successivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:52
mafia

Sarebbero trascorse più di 24 ore tra il delitto e l’assunzione di responsabilità. Un uomo di 59 anni avrebbe tolto la vita alla propria compagna all’incirca a ora di pranzo di martedì 10 agosto, ma si sarebbe recato al commissariato di polizia di Vigevano, in provincia di Pavia, per costituirsi a metà pomeriggio di mercoledì 11 agosto, riporta Ansa. Attualmente si troverebbe in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario.

Il fatto

I due – scrive ancora l’agenzia -, Marco De Frenza, con diversi precedenti per reati contro la persona e il patrimonio, e la vittima, Marylin Pera, 39 anni, un figlio avuto da una precedente relazione, convivevano da circa due settimane. L’uomo avrebbe commesso il delitto, del quale sono stati appresi pochi particolari, nel bagno della casa della donna.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.