GIOVEDÌ 29 SETTEMBRE 2016, 10:27, IN TERRIS

DARFUR, AMNESTY: "200 PERSONE UCCISE CON ARMI CHIMICHE"

EDITH DRISCOLL
DARFUR, AMNESTY:
DARFUR, AMNESTY: "200 PERSONE UCCISE CON ARMI CHIMICHE"
Almeno duecento persone in Darfur sarebbero state uccise lo scorso gennaio con armi chimiche. La denuncia è di Amnesty International che sulla strage ha svolto un'indagine durata 8 mesi. Attraverso foto, video e testimonianze dei sopravvissuti l'organizzazione umanitaria è arrivata alla conclusione che nella regione di Jebel Marra, le forze armate del Sudan hanno perpetrato "stupri e uccisioni di massa" e hanno usato armi chimiche circa "30 volte".

La testimonianza


"La scala e la brutalità di questi attacchi sono difficili da esprimere a parole - ha raccontato Tirana Hassan, direttrice dell'unità di crisi di Ai - Le immagini e i video che abbiamo visto nel corso della nostra ricerca sono davvero scioccanti. Molte foto mostrano i bambini coperti di lesioni e vesciche".

Effetti choc


I sopravvissuti hanno parlato di un "putrido" e "innaturale" odore di fumo dopo i bombardamenti. Chi è venuto a contatto con queste sostanze, secondo i testimoni, ha iniziato subito a vomitare sangue. Gli occhi delle vittime hanno cambiato colore e la pelle, dopo essersi indurita, si è staccata. Uno scenario raccapricciante che gli esperti, dopo aver osservato le lesioni delle persone esposte al fumo, hanno ritenuto coerente con l'utilizzo di armi chimiche.

Crimine


"Questo sospetto utilizzo di armi chimiche rappresenta non solo uno dei punti più bassi nella serie di crimini di diritto internazionale da parte dei militari sudanesi contro i civili nel Darfur, ma anche un nuovo livello di arroganza da parte del governo nei confronti della comunità internazionale" ha commentato Amnesty.

Aiuti


L'organizzazione ha chiesto ai governi internazionali di esercitare pressioni di Karthoum per consentire alle agenzie umanitarie l'accesso alle regioni più remote del Paese africano.
"Il fatto che il governo del Sudan stia ora ripetutamente usando queste armi contro il loro stesso popolo semplicemente non può essere ignorato e richiede un'azione" ha sottolineato Hassan.

Il conflitto


Il Darfur dal 2003 è teatro di un conflitto tra la maggioranza nera della popolazione, composta da tribù stanziali, e la minoranza nomade originaria della Penisola arabica, maggioritaria invece nel resto del Sudan. Ribelli sono insorti contro il governo di Khartoum accusandolo di discriminare e abbandonare la popolazione del Darfur: in seguito alla risposta armata del Sudan, finora vi sono stati circa 300 mila morti e due milioni di sfollati. A gennaio, le forze sudanesi hanno lanciato una nuova offensiva contro le roccaforti dei ribelli guidati da Abdul Wahid, nella zona di Jebel Marra dove ci sono stati pesanti bombardamenti che di fatto colpiscono la popolazione civile.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
MORTE RIINA

La Cei: "Nessun funerale pubblico per il boss"

Lo ha confermato il portavoce, don Maffeis: "Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi"
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont, sull'estradizione si decide il 4 dicembre

Il giudice rinvia al mese prossimo la decisione sul mandato d'arresto europeo. L'ex presidente resta in Belgio
DIFESA DELLA VITA NASCENTE

Aborto: una campagna per informare le donne

La rilancia l'Associazione ProVita proprio mentre a Roma spuntano manifesti sul tema