Cybersecurity: quante sono le imprese italiane in “guerra” contro gli hacker

Le imprese anti-hacker in Italia sono aumentate. Ecco in quali regioni sono maggiormente diffuse e in quali hanno creato più posti di lavoro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:33

Sono oltre tremila, e toccano quota 3.147, le imprese in Italia “in guerra” contro gli hacker. Un impegno che vede una crescita del 5,4% delle imprese del settore negli ultimi nove mesi, con un trend inarrestabile nonostante il gran balzo fatto registrare nel biennio 2018-2020 (+32%). Aumenta di 700 unità anche il numero di addetti, passati da 28.400 a 29.100 (+2,3%), corrispondenti a una media di nove addetti per azienda.

L’elaborazione di Unioncamere-InfoCamere

A fare il punto sulle imprese di cybersecurity è una elaborazione di UnioncamereInfoCamere, che segnala come la concentrazione più elevata di queste società si registri nel Lazio, dove al 30 giugno scorso avevano sede 708 imprese (il 22% del totale). Al secondo posto c’è la Lombardia (con 581 imprese). Seguono, per diffusione di imprese anti-hacker, Campania, Sicilia e Veneto (con, rispettivamente, 317, 216 e 209 imprese). Sul fronte degli addetti le imprese che hanno creato più opportunità di lavoro sono localizzate in Lombardia, Lazio e Trentino Alto Adige che, con i loro 18mila addetti, rappresentano il 62% di tutto il settore. La Campania, al sesto posto in questa classifica, è la prima tra le Regioni del Mezzogiorno con 1.461 addetti e il 5% del totale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.