Crolla un cornicione ad Albizzate: uccisi una mamma e due bambini

Tragedia in provincia di Varese: l'edificio era stato recentemente ristrutturato. Illeso il terzo figlio della donna. Colpita anche un'altra persona, non in pericolo di vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:55

Una tragedia quella avvenuta ad Albizzate, nel Varesotto, dove il tetto di un edificio è crollato travolgendo una mamma e i suoi bambini. La donna e uno dei suoi figli sono morti sul colpo, mentre l’altra bambina, di appena 15 mesi, è sopravvissuta alla scarica di macerie ma, pur soccorsa immediatamente e trasportata in ospedale a Gallarate con un elicottero, è anch’essa deceduta per le gravissime fratture riportate, soprattutto al cranio. Il dramma si è consumato all’esterno di una ex fabbrica, da poco ristrutturata, il cui cornicione è venuto giù proprio mentre la donna passava di lì assieme ai suoi figli. Un’altra donna, di 42 anni, è rimasta colpita dai calcinacci, riportando ferite gravi ma, secondo quanto riferito, non sarebbe in pericolo di vita.

Il crollo

Un testimone della tragedia, dipendente di un supermercato di fronte all’edificio, ha riferito di aver sentito “un boato assurdo, come un’esplosione“. E’ rimasto illeso il figlio maggiore della donna che, in quel momento, si trovava con la sua bicicletta dal lato opposto della strada, assistendo impotente al crollo che ha portato via sua madre e i suoi fratelli. A prendersi cura del bambino, in forte stato di choc, è stato proprio il dipendente del supermercato, che lo ha tenuto con sé fino all’arrivo del papà, che in quel momento era al lavoro. Le cause del crollo, a una prima analisi, sarebbero da attribuire a un cedimento strutturale del cornicione, parte di un edificio che, da ex fabbrica, era recentemente diventato un ipermercato con diversi negozi, fra i quali due supermercati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.