MARTEDÌ 18 APRILE 2017, 17:44, IN TERRIS

Crolla cavalcavia e schiaccia auto dei carabinieri: militari illesi

Tragedia sfiorata a Fossano: si sono allontanati quando hanno sentito gli scricchiolii

SALVATORE CAPORALE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Crolla cavalcavia e schiaccia auto dei carabinieri: militari illesi
Crolla cavalcavia e schiaccia auto dei carabinieri: militari illesi
Davvero stavolta si può dire che è un miracolo che non ci sia scappato il morto in seguito all'ennesimo crollo di un cavalcavia. Il ponte che ha ceduto è quello dello svincolo per Marene, al km 61.300 della statale 231 "di S. Vittoria", nel comune di Fossano, in provincia di Cuneo, e che ha schiacciato un'auto dei carabinieri impegnati in un posto di blocco. I militari, un carabiniere di 25 anni e un maresciallo di 55, entrambi in servizio alla locale stazione, quando hanno sentito gli scricchiolii sono riusciti a fuggire e mettersi in salvo prima che la struttura cedesse proprio al centro della carreggiata. Il viadotto si trova nei pressi della zona del cimitero.

Commissione d'inchiesta


Il presidente dell'Anas Gianni Vittorio Armani ha subito istituito una commissione d'inchiesta interna per accertare cause e responsabilità del crollo, presieduta dal generale dei carabinieri Roberto Massi, direttore della Tutela Aziendale di Anas, e composta da due ingegneri strutturisti ed esperti di tecniche costruttive. La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni, tra i km 59 e 66. Il crollo non ha causato feriti. Anche il ministero delle Infrastrutture, con un decreto del ministro Del Rio, istituirà una commissione d'indagine.

Il sindaco: "Incredibile"


"Se nessuno si è fatto male è un miracolo ma non si può contare sui miracoli, un ponte non deve cadere" ha commentato il sindaco di Fossano, Davide Sardella, immediatamente giunto sul posto. "E' una scena incredibile - ha aggiunto il primo cittadino - il ponte è stato costruito negli anni Novanta e quindi non è neppure così vecchio. Negli ultimi giorni non ci sono state forti piogge e da quando amministro la città non mi è mai giunta nessuna notizia sulle condizioni della struttura. La strada è molto frequentata, è una vera fortuna che nessuna persona sia rimasta coinvolta". L'area è stata transennata e posta sotto sequestro. Sul posto sono intervenute le squadre Anas, i carabinieri, la polizia stradale e i vigili del fuoco per gli interventi e i rilievi del caso e per la gestione della circolazione.

I precedenti


Il crollo odierno è purtroppo l'ultimo di una serie. Il precedente più recente è del 9 marzo scorso, quando il cedimento di un ponte sull'A14 nei pressi di Ancona, durante lavori di manutenzione, ha ucciso una coppia di coniugi di Spinetoli, in provincia di Ascoli Piceno. Emidio Diomedi, 60 anni, piccolo imprenditore nel settore dell'abbigliamento, e Antonella Viviani, 54 anni, percorrevano con la loro auto la carreggiata Nord dell'autostrada: a 10 chilometri a nord di Loreto, la vettura è stata schiacciata dal ponte, che ha ceduto alle 13.30 circa. Nell'incidente sono rimasti feriti due operai della Delabech, che eseguiva lavori per i quali il cavalcavia era chiuso al traffico.

Un crollo simile si verificò il 28 ottobre 2016 ad Annone (Lecco) sulla corsia Nord della superstrada 36: al passaggio di un tir da oltre 108 tonnellate il cavalcavia piombò sulla strada sottostante stritolando l'Audi di Claudio Bertini, 68 anni, morto sul colpo. Un'altra vettura, una Fiat Panda, fu investita dalla cabina del tir, precipitato e inclinatosi su un fianco. L'occupante della Panda, Roberto Colombo, rimase miracolosamente illeso. Nessuna conseguenza pure l'autista del mezzo pesante e la famiglia di tre persone che viaggiava su una Volkswagen Golf, volata giù dal cavalcavia. Per questo episodio il 4 novembre 2016 la Procura di Lecco ha iscritto nel registro degli indagati tre persone: Angelo Valsecchi, 50 anni, dirigente Viabilità e infrastrutture dell'amministrazione provinciale di Lecco, il suo vice Andrea Sesana, 35 anni, e il tecnico dell'Anas Giovanni Salvatore, 56 anni. Omicidio colposo e disastro colposo sono i reati ipotizzati dai pm. Poche ore prima del crollo, un cantoniere dell'Anas, Tindaro Sauta, aveva segnalato la caduta di calcinacci.

Il 7 luglio del 2014 crollò un tratto del viadotto Petrulla, sulla strada statale 626 tra Ravanusa e Licata, in provincia di Agrigento. Quattro persone, tra le quali una donna incinta, rimasero lievemente ferite. Sempre in Sicilia, qualche mese dopo, il giorno di Natale 2014, cedette il viadotto Scorciavacche sulla statale Palermo-Agrigento. Era stato inaugurato il 23 dicembre. Questo incidente non coinvolse automezzi e non causò danni alle persone.

Foto di Ansa.it
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”