Primo piano

Croce Rossa: il Papa riceve i volontari

In occasione del 160° anniversario di fondazione della Croce Rossa, Papa Francesco ha incontrato i tanti volontari. È stata l’occasione per ringraziare i tanti che hanno fondato la propria esistenza sul valore della fraternità, mettendo al centro la dignità di ogni essere umano

L’incontro tra il Papa e la Croce Rossa

“Il vostro impegno, ispirato ai principi di umanità, imparzialità, neutralità, indipendenza, volontariato, unità e universalità, è anche segno visibile che la fraternità è possibile. Se si mette al centro la persona, si può dialogare, lavorare insieme per il bene comune, andando oltre le divisioni, abbattendo i muri dell’inimicizia, superando le logiche dell’interesse e del potere che accecano e rendono l’altro un nemico. Per il credente ogni persona è sacra. Ogni creatura umana è amata da Dio e, per questo, portatrice di diritti inalienabili”. Lo ha detto Papa Francesco, ricevendo in udienza questa mattina nell’Aula Paolo VI i volontari della Croce Rossa italiana in occasione del 160° anniversario di fondazione.

Il Papa: “Servono norme che garantiscano i diritti umani”

“Nel ringraziarvi per il vostro servizio insostituibile nelle aree di conflitto e nelle zone colpite da disastri ambientali, nell’ambito della formazione e della salute, così come per quello che fate a favore dei migranti, degli ultimi e dei più vulnerabili, voglio incoraggiarvi a proseguire in questa grande opera di carità che abbraccia l’Italia e il mondo. Possa la Croce Rossa restare sempre simbolo eloquente di un amore per i fratelli che non ha confini, né geografici, né culturali, sociali, economici o religiosi”. “Bisogna globalizzare la solidarietà, operando a livello nazionale e internazionale”, l’appello del Papa. Per questo, “servono norme che garantiscano i diritti umani in ogni luogo, prassi che alimentino la cultura dell’incontro e persone capaci di guardare al mondo con una prospettiva ampia”.

Ovunque per chiunque

Oggi “crescono, come zizzania, il razzismo e il disprezzo”. A rilevarlo è il Papa nel commentare lo slogan prescelto dalla Cri per l’anniversario, “Ovunque e per chiunque”. Francesco ha osservato che “la nostra è la società dell’io più che del noi, del piccolo gruppo più che di tutti. La parola ‘chiunque’ ci ricorda che ogni persona ha la sua dignità e merita la nostra attenzione: non possiamo voltarci dall’altra parte o scartarla per le sue condizioni, la sua disabilità, la sua provenienza o il suo status sociale”. Di qui l’esortazione a “continuare a stare accanto ai fratelli e alle sorelle che hanno bisogno, con competenza, generosità e dedizione, soprattutto in un tempo in cui crescono, come zizzania, il razzismo e il disprezzo. Infatti, ‘solo coltivando questo modo di relazionarci renderemo possibile l’amicizia sociale che non esclude nessuno e la fraternità aperta a tutti’”, ha assicurato il Papa citando la “Fratelli tutti”. Questo slogan “Ovunque per chiunque”, ha proseguito, “ricorda la frase che leggiamo nella Prima Lettera di San Paolo ai Corinzi: ‘Mi sono fatto tutto per tutti’ (9,22). L’Apostolo sintetizzava così la sua missione: raggiungere tutti per portare a tutti la gioia del Vangelo. Questo è lo stile che anche voi realizzate ogni volta che, con spirito fraterno, intervenite almeno ad alleviare una sofferenza”. “In questo tempo di Pasqua – ha concluso il Pontefice -, chiediamo la grazia di essere strumenti di fraternità e di pace, protagonisti nella carità e costruttori di un mondo fraterno e solidale”.

Fonte: Angesir

redazione

Recent Posts

San Vladimiro il Grande, ecco perchè viene chiamato “Isoapostolo”

San Vladimiro il Grande, Kiev (Ucraina), 966 ca. - Kiev, 15/07/1015 E' il figlio illegittimo…

15 Luglio 2024

Il primato della grazia nel Magistero pontificio

L'attenzione spirituale nasce dal primato della grazia. L’evangelizzazione per il Papa non ha nulla a…

15 Luglio 2024

Senza welfare non c’è politica sociale europea. La tutela necessaria

Tutela europea per i diritti sociali. Non c'è giustizia senza equità. In senso lato per…

15 Luglio 2024

Disturbo Arfid: natura, cause e soggetti coinvolti

Il rifiuto dei bambini verso alcuni cibi, oggi un fenomeno in crescita nei Paesi occidentali…

15 Luglio 2024

La ferita della democrazia difficile da rimarginare

L’orecchio ferito di Donald Trump – a un centimetro appena dalla morte e dalla seconda…

15 Luglio 2024

L’impegno per rendere il web accessibile

L'accessibilità web è un tema cruciale che va oltre l'uso dei tradizionali screen reader, includendo…

15 Luglio 2024