Crisi ucraina, il sindaco di Irpin: “Città liberata”

Il primo cittadino di Mariupol, sul mar d'Azov, ha dichiarato che nell'assedio sono morte quasi 5mila vittime civili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:57
guerra
Kiev 27/02/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: bombardamenti ONLY ITALY

Quasi cinquemila abitanti morti durante l’assedio russo. Di questi, 210 bambini. E’ il bilancio di questo periodo di guerra dato dal sindaco di Mariupol, città portuale nel sud dell’Ucraina, Vadym Boychenko, citato da Ukrinform.

Irpin

“La nostra Irpin è stata liberata dal male di Mosca!”, ha affermato su Telegram il sindaco della città alle porte di Kiev, Alexander Markushin. Secondo l’emittente pubblica ucraina Supsilne News, ” ai residenti è stato chiesto di non tornare ancora nelle loro case”.

Kiev

Il bilancio di oltre un mese di guerra a Kiev, secondo il sindaco della capitale ucraina Vitaly Klitschko, è di quasi 300 morti, oltre mille feriti, circa 300 edifici distrutti. In un’intervista al quotidiano austriaco Die Presse, il primo cittadino ha fatto il punto sui danni alla capitale. “300 edifici sono stati distrutti. Sono stati bombardati anche asili nido e scuole. Più di 1.000 persone sono state ricoverate in ospedale, inclusi 18 bambini gravemente feriti. Quasi 300 persone sono morte, inclusi molti bambini”, ha detto Klitschko, secondo il quale circa la metà della popolazione è fuggita dalla capitale, principalmente donne, anziani e bambini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.