Crisi ucraina: reporter indipendente russa morta a Kiev. Evacuati altri 4.500 civili

Una ginnasta ucraina di 11 anni è rimasta uccisa nel crollo della sua abitazione colpita da un raid russo a Mariupol, ha reso noto la sua allenatrice citata da media locali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:58
Guerra
Kiev 15/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: palazzo distrutto ONLY ITALY

La guerra in Ucraina sta per giungere al mese di durata, proseguono i bombardamenti e le operazioni di evacuazione dei civili dalla città ucraine. Le autorità di Kiev hanno inoltre informato l’Agenzia internazionale per l’energia atomica che una foresta vicino alla centrale nucleare di Chernobyl è in fiamme, riferisce il Kyiv Independent.

La piccola ginnasta

Una ginnasta ucraina di 11 anni, Kateryna Dyachenko, è rimasta uccisa nel crollo della sua abitazione, che era stata colpita da un raid russo a Mariupol, ha fatto sapere la sua allenatrice Anastasia Meshchanenkova, citata da media locali.

La reporter

La giornalista russa Oksana Baulina è morta dopo essere stata colpita dai bombardamenti russi a Kiev mentre filmava la distruzione provocata dal lancio di razzi in un centro commerciale nel distretto di Podolsky. Lo scrive il giornale britannico Guardian, precisando che era la reporter di un sito di notizie indipendente con sede in Russia, l’Insider. Baulina  era in Ucraina come corrispondente, dove aveva inviato rapporti da Leopoli e Kiev. Con lei è morto un altro civile, mentre altee due persone che la accompagnavano sono rimaste ferite.

Corridoi umanitari

Funzionari ucraini hanno affermato che oggi oltre 4.500 persone sono state evacuate dalle città ucraine attraverso corridoi umanitari, riferisce la Bbc. E quasi tremila di loro hanno viaggiato dalla città assediata di Mariupol a Zaporizhzhia, ha precisato il vice primo ministro ucraino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.