Crisi ucraina, Casa Bianca: “Mantenere comunicazione Usa-Cina”

Si sono incontrati oggi a Roma il consigliere della Sicurezza nazionale Usa, Jake Sullivan e il capo della diplomazia cinese Yang Jiechi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:35

E’ durato otto ore, comprensivo di una pausa, l’incontro tra il consigliere della Sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan e il capo della diplomazia del partito comunista cinese Yang Jiechi, avvenuto oggi a Roma. Domani mattina, alle 8.30, è previsto a Palazzo Chigi l’incontro tra Sullivan e Luigi Mattiolo, il consigliere diplomatico del presidente del Consiglio Mario Draghi. “La Cina potrebbe fare più di altri nell’aiutare a mettere fine alla guerra”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price.

L’incontro

Il colloquio tra i due, al Cavalieri Hotel di Roma, ha avuto inizio intorno alle 10.30 e ha avuto al centro “l’impatto della guerra della Russia contro l’Ucraina sulla sicurezza regionale e globale”. L’obiettivo degli Stati Uniti è di spingere Pechino a far pressing su Mosca sulla crisi ucraina.

La nota

“Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha incontrato oggi a Roma il membro del politburo del Partito Comunista Cinese e Direttore dell’Ufficio della Commissione Affari Esteri Yang Jiechi con il quale ha avuto una discussione sostanziale sulla guerra della Russia contro l’Ucraina”, riferisce la Casa Bianca in una nota. I due rappresentanti “hanno anche sottolineato l’importanza di mantenere aperte le linee di comunicazione tra gli Stati Uniti e la Cina”, si sottolinea nella nota che non fornisce altri dettagli sui colloqui.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.