Covid-19: oltre 607mila casi di contagio nel mondo

Le cifre nelle Nazioni più colpite al mondo dalle pandemia: Usa, Cina, Italia, Spagna, Germania, Iran, Corea del Sud, Belgio. La Polinesia francese sotto coprifuoco fino al 15 aprile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:37

Sono oltre 607mila i casi di contagio da coronavirus confermati a livello globale, 28.125 i morti. Lo riporta il bollettino quotidiano stilato dalla Johns Hopkins University. Al primo posto per i contagi ci sono ancora gli Stati Uniti con 104.837 casi; al secondo l’Italia con 86.438 e 9.134 morti e al terzo la Cina con 81.948 positivi e 3.299 decessi. Più precisamente si tratta di 607.965 casi di contagio in 177 Paesi del mondo. Secondo la mappa di diffusione della pandemia, il primo Paese per decessi è l’Italia con 9.134 morti, seguita dalla Spagna con 5.138 e dalla Cina. Negli Stati Uniti i decessi confermati sono saliti a 1.711. In Spagna ci sono 9.357 guarigioni e un totale di 65.441 contagi, secondo le cifre aggiornate del sito del quotidiano El Pais. L’appello del presidente francese, Manuel Macron, all’Europa: “Non supereremo questa crisi senza una solidarietà europea forte, a livello sanitario e finanziario”.

Cina

A Wuhan, la città cinese epicentro dell’epidemia di coronavirus, oggi sono arrivati i primi treni passeggeri dopo un blocco durato oltre due mesi. Per ora i viaggiatori sono autorizzati ad arrivare, ma non a lasciare la città di 11 milioni di abitanti, che era isolata dal gennaio scorso. Ieri, la Commissione sanitaria cinese ha reso noto che nel Paese si sono registrati 54 nuovi casi di coronavirus, tutti importati, e zero nuovi contagi interni.

Corea Sud

Oltre 4.800 pazienti guariti dal coronavirus sono usciti dall’isolamento in Corea del Sud mentre altri 4.500 rimangono in quarantena sottoposti alle terapie. Lo annuncia il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, riporta la Cnn online. E’ la prima volta che il numero dei guariti supera quello dei malati dal 20 gennaio, quando vennero confermati i primi casi di coronavirus nel Paese asiatico. I morti sono 144.

Polinesia francese

Tutti e cinque gli arcipelaghi del Pacifico che formano la Polinesia francese sono stati posti sotto coprifuoco fino al 15 aprile, per contrastare il contagio da coronavirus: lo ha deciso l’Alto commissariato della repubblica francese. Il provvedimento proibisce di uscire di casa fra le 20 di sera e le 5 di mattina, escludendo alcune professioni indispensabili, come il personale medico, le forze dell’ordine o i vigili del fuoco.

Belgio

Il Belgio conta in totale 9.134 casi di contaminazione da Covid-19 confermati e 353 decessi. Da ieri si sono registrati 1.850 nuovi casi e 64 morti. Sono i nuovi dati aggiornati oggi dalle autorità sanitarie locali che precisano che nelle ultime ore 575 persone sono state ricoverate. In totale si contano 3.717 ricoveri, di cui 789 in terapia intensiva (+99).

Iran

Le autorità iraniane hanno annunciato il decesso di altre 139 persone per Covid-19 nelle ultime 24 ore portando il totale a 2.517, secondo i numeri ufficiali del ministero della Sanità. I casi confermati sono stati 3.076, portando il numero totale di contagi a 35.408.

Germania

La Germania prorogherà l’isolamento almeno fino al 20 aprile. “Fino ad allora le misure restrittive introdotte per fare fronte all’epidemia di coronavirus rimarranno in vigore. Non ci sarà alcun allentamento fino a quella data”, ha spiegato Helge Braun, capo di gabinetto della cancelleria, in un’intervista a Tagesspiegel. Per le persone anziane e immunodepresse le misure per la protezione dal contagio dovranno valere molto più a lungo, fino a quando non sarà disponibile un vaccino, ha aggiunto Braun. Attualmente, in Germania, si contano oltre 53mila positivi e 395 morti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.