Covid, leggera discesa dei casi. In calo anche i decessi

In un giorno sono stati effettuati 155.751 tamponi, molecolari e antigenici, e il tasso di positività è passata dal 13% all'attuale 13,2%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Lieve diminuzione dei nuovi casi giornalieri di positività al Covid individuati nel nostro Paese, così come scendono i decessi, secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute. Il gruppo di ricerca dell’Università degli Studi di Palermo diretto dal professor Marcello Ciaccio ha scoperto un nuovo meccanismo coinvolto nella patogenesi della sepsi e del Covid, in uno studio condotto in collaborazione con un team dell’Università degli Studi di Urbino, pubblicato sulla rivista Critical Care.

I dati

Sono 20.503 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, ieri erano 21.817. I decessi sono 68, in calo rispetto alle 90 di ieri. I tamponi, molecolari e antigenici, effettuati sono 155.751 e il tasso di positività è al 13,2%, stabile rispetto al 13% di ieri.

Sono sei in meno di ieri, 207, i pazienti in terapia intensiva, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono invece 4.962 (129 in meno).

Lo studio

La ricerca ha dimostrato che gli istoni, proteine strettamente associate al Dna con un ruolo fondamentale per il mantenimento della struttura della cromatina e dell’espressione genica, sono coinvolti nei processi di trombosi ed infiammazione che si verificano nei pazienti con sepsi e Covid. Gli istoni rilasciati nell’ambiente extracellulare promuovono i processi infiammatori agendo direttamente sui monociti, determinando così un decorso più severo sia della sepsi che del Covid. “I risultati di questa ricerca – sottolinea il prof. Ciaccio – aprono interessanti prospettive nello sviluppo di nuovi approcci terapeutici basati sull’uso di farmaci in grado di bloccare l’azione degli istoni e, quindi, arrestare la progressione di condizioni cliniche caratterizzate da un’importante componente infiammatoria, quali la sepsi, la cui incidenza è in costante aumento e rappresenta un’importante causa di mortalità e morbilità”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.