Covid, Monitoraggio Iss: l’Rt nazionale scende a 1,27

Iss: "Aumenta l'incidenza. Diciotto le Regioni a rischio moderato. A rischio basso il Lazio e le province di Trento e Bolzano"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:15
Covid 19 bollettino

Scende l’Rt nazionale da 1,56 della scorsa settimana a 1,27 di questa, ma l’incidenza prosegue nella sua salita raggiungendo 73 casi ogni 100 mila abitanti contro i precedenti 68. Sono i valori presentati oggi relativi al monitoraggio Iss-Ministero Salute di questa settimana sull’andamento del Covid-19 in Italia.

Iss: nessuna Regione in soglia critica

Nessuna Regione supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva, dove però l’occupazione è in leggero aumento al 4%, con il numero di persone ricoverate in aumento da 258 a 322.

Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta al 5%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 2.196 a 2.880. Diciotto le Regioni a rischio moderato. A rischio basso solo il Lazio e le province di Trento e Bolzano. Qui il bollettino del 12 agosto.

Variante Delta largamente prevalente in Italia

La circolazione della variante Delta è ormai largamente prevalente in Italia e questa variante è dominante nell’Unione Europea ed associata ad un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in Paesi con alta copertura vaccinale: è quanto risulta nella bozza di monitoraggio che sarà diffusa oggi e che chiede “tracciamento” e il “rispetto misure”.

“Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.