Covid Francia: l’ospedale chiede il rimborso dell’Assistenza pubblica

Ecco perché l'ospedale Saint-Louis ha mandato il conto di 7.000 euro dopo che il capofamiglia è morto di covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:56
conto salato

Il dramma della povertà aumenta durante l’emergenza Covid. Chi già era povero ora soffre maggiormente ed un racconto drammatico arriva proprio dalla Francia. Qui un conducente di autobus a Parigi rifiuta di pagare gli oltre 7.000 euro del conto dell’ospedale Saint-Louis, per i 10 giorni di cure somministrate al padre che, prima di morire, era stato anche ricoverato in rianimazione. La somma fatturata dall’ospedale corrisponde al 20% del totale (35.184 euro), cioè la parte non rimborsata dall’Assistenza pubblica e che avrebbe dovuto essere a carico di un’assicurazione che la vittima, 74 anni, non aveva sottoscritto.

L’impossibilità di pagare

Quando la fattura è arrivata a casa del figlio, che abita con la famiglia nella Val d’Oise, focolaio a nord di Parigi, è stato lo sgomento: 7.036,80 euro da pagare entro il 23 maggio. Una somma che la vedova, 70 anni, ex colf ormai in pensione con 560 euro al mese, non può pagare. E il figlio (1.800 euro al mese) neppure: “ovviamente non ho pagato niente, e neppure pagherò – ha assicurato a Le Parisien – significherebbe sacrificare tutti i risparmi di mia madre, di mia sorella e miei. Tanto più che pare mi debba arrivare una seconda fattura ancora più elevata”.

Le motivazioni del conto salato

Questo secondo salatissimo conto, corrisponde alle 3 settimane trascorse dal padre in una clinica. L’uomo ha contattato un collettivo di avvocati che ha riunito già 130 persone malate o parenti di morti per il virus che hanno denunciato lo stato al Tar per la gestione dell’epidemia. Laurent – questo il nome del conducente di bus protagonista della disavventura – ritiene che il 15 marzo, lo svolgimento del primo turno dell’elezione dei sindaci, a due giorni dal lockdown, fu fatale per tutta la famiglia, che si recò al completo alle urne. Qualche giorno dopo, apparvero i primi sintomi sulla madre, poi gli altri. Il padre si aggravò giorno dopo giorno pur essendo in buona salute: “ci dicevano anche di continuare a vivere come prima. A causa della mancanza di vigilanza delle autorità, mio padre è morto di coronavirus”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.