Covid: discesa dei nuovi casi, aumentano i decessi

Nella giornata di ieri sono state somministrate oltre 45 mila quarte dosi, un livello mai raggiunto dallo scorso febbraio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Scendono sotto quota centomila i nuovi casi giornalieri di positività al Covid individuati nel nostro, mentre risalgono i decessi, secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute. Boom di quarte dosi nella giornata di ieri, 45mila, livello mai raggiunto dall’inizio delle quarte somministrazioni, lo scorso febbraio.

I dati

I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 sono 96.384, quando ieri erano stati 107.122, mentre i decessi salgono da 105 agli attuali 134. In un giorno sono stati effettuati 391.008 tamponi, tra antigenici e molecolari, e il tasso di positività è sceso dal 26,2% all’attuale 24,6%.  Aumentano di quattro unità i pazienti ricoverati in terapia intensiva nel nostro Paese, 395, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 10.363 (248 in più).

Rezza: Elevata velocità di circolazione virale”

Continua a crescere il tasso di incidenza di casi di Covid “anche se a un ritmo un po’ più lento” mentre si nota “una lieve inversione nell’Rt che diminuisce leggermente ma è ancora ben al di sopra dell’unità”, così il direttore Prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza, sui dati del monitoraggio. “Nonostante qualche piccolo segnale di miglioramento – dice – la velocità di circolazione virale è ancora molto elevata” e invita over 60 e fragili ad “effettuare la quarta dose” contro forme più gravi della malattia evidenziando poi che non c’è congestione nelle terapie intensive, mentre aumentano i ricoveri in area medica.

Boom quarte dosi

Ieri sono state oltre 55mila le somministrazioni, con oltre 45mila quarte dosi, livello mai raggiunto finora da febbraio ad oggi, da quando sono iniziare le quarte somministrazioni. In totale, secondo il sito del governo, sono 138.676.081 le dosi somministrate in Italia, un milione e mezzo quelle per la quarta dose. In termini assoluti, era dal 25 marzo che non si avevano tante vaccinazioni giornaliere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.